La razza del Bulldog Inglese viene, ovviamente, dall’Inghilterra, riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo2, quello dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri.

Selezione e aspetto del Bulldog Inglese

Gli esemplari che appartengono a questa razza sono cani bellissimi nella loro bruttezza, per citare una celebre frase che descrive a pieno tutto ciò che questo cane rappresenta nell’ideale collettivo.

Il caratteristico aspetto del Bulldog Inglese è dovuto a un’anomalia mai corretta e portata avanti nel processo di selezione, mentre il nome (cane toro, in italiano) è dato da quello che a metà dell’800 era il suo principale impiego: la lotta contro i tori.

Non c’è molta certezza, come spesso accade, sulle origini di questa razza ma, con molta provabilità, il Bulldog Inglese è derivato dal Mastino Tibetano.

Esemplari di questa razza vennero importati in Gran Bretagna dai Fenici e dagli antichi romani, Il Bulldog Inglese è oggi un cane molto apprezzato e famoso in tutto il mondo, tanto che negli USA hanno pensato a selezionare una razza molto simile, l’American Bulldog.

È un cane di piccola taglia ma di costituzione molto robusta con una muscolatura sviluppata e tonica. Il suo corpo, visto da sopra, deve avere una forma a pera, con la parte anteriore più larga rispetto quella posteriore. Molto caratteristico in questi cani è il muso: corto e pieno.

Il pelo è corto e si presenta nelle classiche pieghe così caratteristiche per questo cane, le colorazioni ammesse dallo standard sono molte: tigrato, bianco, bianco pezzato, marrone, fulvo, bianco screziato. Lo standard non ammette il nero.

Carattere e impieghi del Bulldog Inglese

Il cane è generalmente molto tranquillo ma deciso all’occorrenza. Il suo migliore impiego risulta essere quello di cane da compagnia e può essere impiegato, con discreti risultati, come cane da guardia.

Per quanto riguarda la cura e salute dell’animale, l’unica accortezza da avere è quella di ricordarsi che il Bulldog Inglese soffre tanto il caldo, è la prima causa di morte fra i cani di questa razza, quindi è bene non sottoporlo a lunghi viaggi in macchina e, in generale, durante la stagione estiva fare in modo che sia idratato il più possibile.

Alimentazione del Bulldog Inglese

Rispetto ad altri cani, per il Bulldog Inglese bisogna avere maggiore attenzione rispetto l’alimentazione, che deve essere molto equilibrata. È assolutamente sconsigliato abituarlo a mangiare fuori pasto, gli esemplari di questa razza tendono infatti a ingrassare facilmente.

Secondo gli esperti l’alimentazione del Bulldog Inglese deve essere ricca di cibi secchi, da variare a seconda dell’età dell’animale e del suo atteggiamento rispetto lo svolgere o meno attività fisica. Può mangiare anche cibo umido purché si presti attenzione alle quantità e alle proporzioni: 500 g di cibo umido corrispondono a 100 g di cibo secco.

14 marzo 2014
Lascia un commento