Il Bracco Ungherese a pelo forte, Vizsla nella lingua magiara, è una razza che viene dall’Ungheria, per l’appunto, ed è riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 7, quello dei cani da ferma.

Origini e aspetto del Bracco Ungherese a pelo forte

Le origini di questa razza, secondo gli esperti, sono molto antiche. Recenti ricerche indicano che fra gli antenati del Bracco Ungherese a pelo forte vi sia lo Sloughi, l’attuale aspetto della razza così come noi lo conosciamo è stato definito all’inizio del XVIII secolo.

Cane di media taglia, classificato morfologicamente come tipo Braccoide. Ha una costituzione un po’ più importante del Bracco ungherese a pelo corto.

È costruito molto bene ed è un cane ben proporzionato dal punto di vista strutturale. La muscolatura è asciutta ma ben sviluppata ed evidente. Possiede una buona ossatura rispetto alla mole. È tonico e dinamico.

Nel lavoro alterna il trotto al galoppo, dimostrandosi abbastanza veloce. L’altezza dei maschi è compresa fra i 58 e i 62cm, mentre quella delle femmine va dai 54 ai 58. Il peso è di circa 22-30kg. I colori più ricorrenti sono: il fulvo-sabbia in tutte le sue gradazioni. è possibile che ci siano delle macchie bianche sul petto e sui piedi.

Carattere e impieghi del Bracco Ungherese a pelo forte

Vizsla è una parola turca che significa cercare, e infatti questo cane discende da incroci di razze che accompagnavano diverse etnie indoeuropee negli spostamenti, e avevano il compito di aiutare l’uomo a cacciare la selvaggina, grazie al loro fiuto molto sviluppato.

Gli esemplari di questa razza sono in possesso di un carattere equilibrato e sono molto intelligenti, si adattano a qualsiasi situazione, fattore questo che permette al Bracco Ungherese a pelo forte di trovarsi bene anche nella vita in casa, anche se adora la caccia e l’aria aperta. È un ottimo cane da caccia perfetto nella ferma e nel riporto, ma sa essere anche un bravo cane da compagnia.

Cura del Bracco Ungherese a pelo forte

Il Bracco Ungherese a pelo forte da adulto ha un peso medio che va dai 22 ai 27 kg e necessita di un’alimentazione che oscilla tra i 400 ed i 500 g di alimento completo al giorno. Nei cuccioli la razione giornaliera va divisa in 3 pasti, mentre negli adulti in 2.

La dieta deve essere bilanciata, completa e sana. Nonostante le ottime condizioni di salute di cui gode, e la durata della vita media che si aggira sui 12 anni, può essere afflitto con una certa frequenza da displasia dell’anca e da atrofia progressiva della retina.

3 maggio 2014
Lascia un commento