La razza del Bovaro di Entlebuch viene dalla Svizzera, F.C.I. lo ha riconosciuto e classificato nel proprio Gruppo 2, quello dei cane di tipo pinscher schnauzer, molossoidi e cani bovari svizzeri.

Storia e aspetto del Bovaro di Entlebuch

È una razza che vanta origini molto antiche, la teoria vuole che antenati dell’attuale Bovaro di Entlebuch siano stati introdotti in Svizzera addirittura dalle legioni romane che in quelle terre avevano più di una colonia.

Esattamente viene valle di Entle dalla quale prende il nome, sono cani poco conosciuti al di fuori dei confini elvetici e la loro presenza in altri Paesi, anche nella confinante Italia, è pressoché nulla.

È un tipo di cane di taglia media con una conformazione molto ben proporzionata, risulta essere particolarmente robusto grazie a una muscolatura ben sviluppata su tutte le parti del corpo.

Il colore del manto è quello tipico dei bovari svizzeri: nero con macchie che possono andare dal giallo al bruno ruggine su occhi, guance e arti.

Carattere e impieghi del Bovaro di Entlebuch

Si tratta di un cane impiegato per secoli come cane da mandria, da contadino e da lavoro date le sue ottime capacità di sorvegliante e conduttore di greggi.

Nel tempo il Bovaro di Entlebuch ha dimostrato di essere molto duttile ed è per questo che oggi viene impiegato in differenti maniere, oltre che come cane da pastore per ovini:

Fa della persona cui si affeziona, gradatamente, il punto di riferimento per tutta la vita, è leale e fedele.

12 marzo 2014
Lascia un commento