Il Cane Bolognese è una razza italiana di origini antichissime, riconosciuta e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 9, quello dei cani da compagnia.

Selezione e aspetto del Bolognese

Gli esemplari di questa razza appartengono al gruppo dei Bichon, anche questi cani da compagnia che discendono a loro volta da quei piccoli cani bianchi che Aristotele chiamava Melitensi.

L’origine del nome deriva dall’incrocio che fu fatto a Bologna tra il Cane Maltese e il Barbet.

Nell’antichità era ritenuto un cane di grande pregio ed era considerato molto prestigioso, tanto da essere denominato il cane delle dame.

È una delle 16 razze canine di origini italiane riconosciute dall’ENCI (Ente Nazionale della Cinofilia Italiana). A oggi la razza è allevata principalmente in Italia ed è poco conosciuta all’estero.

Il Bolognese è un cane di piccola taglia, molto elegante, con il corpo raccolto e compatto completamente ricoperto di pelo bianco lungo e soffice. Non devono essere presenti né macchie né sfumature. Ha un’altezza che va dai 27 ai 30 cm e pesa 3-4 kg.

Carattere e impieghi del Bolognese

Grazie alle ridotte dimensioni, il Bolognese è adatto alla vita da appartamento. Si tratta di un cane vivace e intelligente, a volte risulta essere troppo attaccato al suo padrone.

È giocoso, amichevole e affettuoso ma richiede molta attenzione e dedizione poiché ama stare in compagnia. È sempre stato un cane da compagnia ma dato il suo carattere leale e temerario può essere utilizzato anche come cane da guardia, date le sue qualità di avvisatore.

Salute e cura del Bolognese

Cane tendenzialmente sano e longevo, non ha alcuna particolare predisposizione a patologie genetiche.

Può soffrire di oculopatie ereditarie e della lussazione della rotula come altre razze di taglia piccola. Si riscontrano abbastanza spesso alcune malattie cardio-respiratorie e altre malattie dovute al pelo lungo, come la congiuntivite.

Una cosa che deve essere particolarmente curata è il suo pelo che deve essere pettinato, assolutamente, almeno una volta al giorno per evitare la formazione di nodi.

13 febbraio 2014
Lascia un commento