Il Beagle è una razza di cane originaria della Gran Bretagna, riconosciuita e classificata dalla F.C.I. nel proprio Gruppo 6, quello dei segugi e cani per pista di sangue, da notare che lo standard definito dalla Federazione è univoco, cioè vale per tutte le nazioni, non esiste, come avviene per altre razze, un standard diverso a seconda del Paese.

Storia e aspetto del Beagle

Le origini di questa razza sono molto antiche, il Beagle è infatti menzionato in poemi inglesi del XIII secolo e può vantare padroni altolocati, era infatti il cane preferito dalla regina Elisabetta I Tudor che regnò in Inghilterra dalla metà del XVI secolo fino agli inizi del XVII.

Si tratta di cani di taglia piccola, di aspetto grazioso e compatto, a prima vista colpisce per la tenerezza che trasmette ed è, per questo, fra i cani preferiti dai bambini. Si tratta di un cane di ottima costruzione, vivace e molto energico.

Per la colorazione del manto lo stnadard ammette tutti i colori, escluso il color fegato, la coda deve avere la punta bianca.

Impieghi del Beagle

Fin dalle sue origini il Beagle è stato impiegato come cane da caccia, e le sue attitudini venatorie sono ancora molto oggi apprezzate ben oltre i confini della Gran Bretagna (Francia e Italia su tutte) ed è, quindi, tuttora presente in molte battute di caccia di piccola selvaggina.

Col tempo, però, in molte nazioni, si è iniziato ad addestrarli anche come cani da compagnia, tanto che, di fatto, è come se esistessero due varietà distinte e separate, una da caccia e l’altra da compagnia, pur essendo infatti uguali nell’aspetto fisico l’educazione che ricevono li diversifica profondamente.

I Beagle sono anche divenuti famosi, purtroppo per loro, per essere una delle razze più impiegate nella sperimentazione animale da laboratorio, basti pensare al recente caso Green Hill.

Carattere del Beagle

Dal punto di vista caratteriale, il Beagle risulta essere molto allegro e intelligente ed è affettuoso con tutti (e questo non ne fa un buon cane da guardia), a questo carattere amabile fa da contraltare una certa difficoltà che si può incontrare durante l’addestramento.

Più che per altre razze è fondamentale che il Beagle impari quando è cucciolo, la sua innata curiosità lo porterà infatti, se non mitigata per tempo, a poter essere molto indisciplinato, il tutto amplificato dall’essere un cane segugio, quindi portato, in maniera naturale, a seguire tracce olfattive che rendono difficile il suo ritorno a comando quando ci si trova in spazi aperti.

È un cane ideale per famiglie anche con figli vista la sua predisposizione al gioco, invece il Beagle non è adatto agli anziani in quanto non brilla per essere un cane da passeggio tendendo, infatti, allo scatto o al rimanere fermo in un punto.

5 febbraio 2014
I vostri commenti
Roberta , venerdì 14 agosto 2015 alle3:26 ha scritto: rispondi »

Vorrei sapere di più sulla razza beagle , peso e differenze di carattere tra maschio e femmina, grazie

luigi aita , giovedì 6 agosto 2015 alle11:04 ha scritto: rispondi »

Quanto costa un beagle o dove si puo adottare

Lascia un commento