Alano Spagnolo

L’Alano Spagnolo è una razza di cane che viene, meglio veniva, ovviamente, dalla Spagna. L’uso del passato è obbligatorio in quanto la razza risulta essere del tutto estinta e quindi non è riconosciuta da alcuna Federazione, non è possibile definire uno standard stante l’assenza di esemplari.

Storia e aspetto dell’Alano Spagnolo

Al giorno d’oggi c’è chi ancora segnala la presenza di qualche esemplare in territorio iberico senza però portare alcuna prova tangibile, la cosa più corretta da affermare è che la razza è stata, di fatto, sostituita dal Perro da presa Spagnolo e, in generale, ricorda molto il Dogo Argentino.

Nonostante l’assenza di uno standard, da alcuni documenti storici è possibile descriver comunque l’apsetto dell’Alano Spagnolo. Si trattava di un cane di grande taglia, con caratteristiche comunia quelli che sono i molossi europei attuali.

Carattere e impieghi dell’Alano Spagnolo

L’impiego principale per l’Alano Spagnolo era la caccia grossa, anche di notte, era infatti un cane forte, coraggioso e molto resistente, non brillava per l’olfatto, non risultava quindi essere un gran cane da seguita, ma aveva mandibole eccezionali.

Altro, ben più triste impiego che lo vide protagonista, fu quello relativo l’uccisione degli Indios da parte dei Conquistadores per la supremazia nel Nuovo Mondo.

Per coraggio e forza venne anche preferito, fra gli altri, nei combattimenti con i tori, in generale era quindi un cane destinato a impegni piuttosto violenti.

Gli esemplari di questa razza erano cani molto intelligenti e, per questo, facili da addestrare.

8 marzo 2014
Lascia un commento