Cani: in USA diventa illegale lasciarli al freddo d’inverno

Novità importante, quella in arrivo dagli Stati Uniti in un’ottica di protezione degli animali domestici. Lo stato della Pennsylvania, infatti ha pensato di rendere illegale l’accudimento di cani all’esterno delle abitazioni durante l’inverno, con multe importanti per i trasgressori. Una decisione volta a proteggere l’incolumità di molti quadrupedi che, purtroppo, da novembre a febbraio perdono la vita per il freddo.

La novità di legge è stata approvata lo scorso agosto, ma solo in questi giorni è stata pienamente resa nota al grande pubblico. Il provvedimento farebbe parte della cosiddetta “Libre’s Law”, un corpo di norme sul maltrattamento degli animali ispirate dal cagnolino Libre, un terrier salvato dal congelamento lo scorso anno. Secondo la normativa, sarà vietato lasciare incustoditi i quadrupedi a una temperatura pari o minore di zero gradi per più di 30 minuti, pena una multa salata e, nei casi anche più gravi, il carcere. Non ultimo, vi sono aggravanti anche per gli animali legati o incatenati, nonché alcune eccezioni. Così ha spiegato Kristen Tullo, direttrice della divisione locale di Humane Society, nel commentare la notizia:

=> Scopri come proteggere gli animali in inverno


L’esposizione continua al freddo può determinare gravi danni fisici, come zampe ferite e sanguinanti, congelamento e ipotermia. Se fa troppo freddo per te, fa troppo freddo anche per lui.

=> Scopri come aiutare i gatti randagi durante l’inverno


La legge prevede che i cani possono rimanere all’aperto, anche legati, purché possano muoversi abbastanza liberamente, quindi approfittare di un rifugio sufficientemente riscaldato, come una cuccia coibentata, con la disponibilità di coperte e acqua corrente. Inoltre, il luogo dove il cane vive deve essere sempre pulito, mentre collari e catene non devono immobilizzare l’animale. Le multe partono da 300 dollari e, in caso di serie conseguenze per il quadrupede, sono previsti almeno 90 giorni in cella.

5 dicembre 2017
Fonte:
YDR
I vostri commenti
Aldo Barbaro, martedì 5 dicembre 2017 alle18:10 ha scritto: rispondi »

LO STESSO PROVVEDIMENTO DOVREBBE ESSERE ADOTTATO IN ITALIA. PURTROPPO NON TUTTI COMPRENDONO CHE I CANI VERI AMICI DELL'UOMO CHE NON LO TRADISCONO MAI VANNO CONSIDERATI COME COMPONENTI DLE NUCLEO FAMILIARE

Lascia un commento