La torsione gastrica o dello stomaco del cane è una patologia grave che investe l’animale, portando a complicazioni molto serie fino alla morte. La tempestività d’intervento è fondamentale per scongiurare il peggio e per salvare il proprio amico da esiti nefasti. Le cause che scatenano a questo grave disturbo sono ancora piuttosto sconosciute, ma alcune razze ne sono maggiormente predisposte e soggette. In particolare cani di taglia medio grande con un torace stretto, come ad esempio:

Secondo alcune analisi, oltre alla predisposizione fisica vi sarebbero alcuni elementi scatenanti comuni, come ad esempio alimentare il cane una sola volta al giorno senza spezzare il pasto in più orari. Oppure preferendo cibo fermentabile come pane, pasta, cereali, oltre all’ingestione vorace e frettolosa degli alimenti. Il cane ingurgita con foga grossi quantitativi di cibo e acqua, spesso senza masticare, ingoiando anche molta aria.

La torsione dello stomaco è conosciuta anche come GDV (Gastric Dilatation-Volvolus) e tecnicamente provoca una rapida dilatazione dell’organo dovuta a un accumulo di gas, con relativo ripiegamento. Questo crea un blocco dei vasi sanguigni con una conseguente diminuzione dell’apporto di sangue verso lo stomaco, la dilatazione successiva favorisce un aumento della pressione gastrica e la compressione degli organi circostanti. La condizione incide sullo stato di coscienza del cane che appare affaticato, quindi in stato di shock fino al coma e alla morte. L’intervento deve essere tempestivo e immediato, perché il decesso può giungere entro poche ore.

Non esiste una condizione particolare che possa favorire questo stato: viste la cause sconosciute, ogni occasione potrebbe volgere rapidamente al peggio. È bene individuare subito i sintomi riconducibili alla torsione gastrica: il cane potrebbe risultare agitato, irrequieto, camminare di continuo e cercare una posizione comoda. Potrebbe guaire di dolore leccando e guardando continuamente la pancia, oppure cercando di rigettare nel tentativo di espellere senza esito un corpo estraneo. Successivamente potrebbe sopraggiungere un anomalo rigonfiamento dello stomaco, uno stato di fiacchezza accompagnato da pianto, lamenti, ansia, polso e respiro accelerato e shock. La rapidità è la soluzione migliore: conducete velocemente il vostro cane dal medico di fiducia o al centro veterinario più vicino, elencando sintomi e malessere.

31 dicembre 2013
Fonte:
I vostri commenti
Maria, giovedì 14 aprile 2016 alle23:47 ha scritto: rispondi »

Il mio cane l altro ieri ha avuto tutti i sintomi elencati .. sono corsa dal veterinario in piena notte ma mi hanno rimandato a casa ... il giorno dopo si è ripresa ma le è rimasto uno strano respiro affannato ... pensando si trattasse di qualche gonfiore dovuto magari al fatto che i giorni prima ha mangiato erba le ho dato la bentelean. .. adesso va sempre meglio ... ma beve tanto e fa tanta urina ...

susanna, venerdì 11 luglio 2014 alle15:02 ha scritto: rispondi »

ben spiegato in poche parole. ottimo!

Lascia un commento