Portare il cane in spiaggia spesso è una pratica complessa per il proprietario, tanto da limitare scelte e mete vacanziere. Nonostante il trend sia diametralmente l’opposto, con un numero crescente di stabilimenti aperti ai quadrupedi, alcune zone pongono divieti fermi e irremovibili. È il caso di Reggio Calabria, o meglio del comune di Melito Porto Salvo, deciso a non concedere l’accesso della spiaggia ai quattro zampe. Per questo motivo animalisti e sostenitori si sono rivolti al Tar, sottolineando come l’ordinanza fosse innaturale e troppo restrittiva. A grande sorpresa i giudici amministrativi hanno dato ragione agli animalisti, considerando immotivata la decisione.

Tale limitazione alla libertà personale costituirebbe un limite non consentito alla libera circolazione degli individui.

Il Tar ha così motivato la decisione:

La scelta di vietare l’ingresso agli animali, e conseguentemente ai loro padroni o detentori, sulle spiagge destinate alla libera balneazione, risulta irragionevole e illogica, oltre che irrazionale e sproporzionata: l’amministrazione avrebbe dovuto valutare se sia possibile perseguire le finalità pubbliche del decoro, dell’igiene e della sicurezza mediante regole alternative al divieto assoluto di frequentazione delle spiagge, ad esempio valutando se limitare l’accesso in determinati orari, o individuare aree adibite anche all’accesso degli animali, con l’individuazione delle aree viceversa interdette al loro accesso.

L’interdizione dei cani sulle spiagge calabresi risulterebbe un controsenso, proprio nella regione che tra le prime istituì l’anagrafe canina nel 1990:

[…] che si prefigge la finalità di realizzare sul territorio della Regione un corretto rapporto uomo-animale-ambiente.

Una decisione importante, una piccola vittoria in difesa dei diritti dei cani sempre ingiustamente allontanati da spiagge e impianti balneari. Il libero accesso potrebbe incrementare il turismo in zona, facilitando la scelta per i possessori dei quattro zampe. La sempre più forte e necessaria voglia di condividere spazi e luoghi con il proprio amico, spinge i proprietari a scegliere strutture attrezzate e ospitali. Ora anche la zona di Reggio Calabria potrà accogliere i tanti Fido che popolano lo Stivale.

23 luglio 2014
Fonte:
Lascia un commento