Nonostante nessuno dei due riesca a sentire e vedere, tra i cani Maise e Keller il legame è davvero forte. Secondo Kathryn Woodward, che li ospita nella sua abitazione in South Carolina, la sintonia è stata immediata, sin dal loro primo incontro. Benché il rispettivo passato sia del tutto differente, a unire queste due anime delicate è stato il rifiuto ricevuto per la loro condizione di disabilità, il sentirsi inferiori e non amati. I due amici condividono la stessa anomalia genetica, nota come “double merle”, figlia degli incroci che gli allevatori impongono per ottenere la razza migliore. Sia Maise, una femmina di pastore australiano, e Keller, un alano, sono vittime di questa particolarità genetica.

Tutti e due i cani provengono quindi da allevamenti specializzati in accoppiamenti, ma spesso la combinazione di due cani simili con la stessa mappatura genetica porta a ottenere animali albini, ciechi e sordi. La produzione continua perché la vendita è al centro di queste strutture, perciò quando Maise è stata acquistata a quattro settimane di vita nessuno ne aveva specificato la disabilità. L’annuncio apparso su Facebook non illustrava la particolarità dell’animale e Kathryn, già in possesso di Keller, da sola aveva intuito le problematiche della cucciola. Ma era certa che Maise non avrebbe trovato mai nessuno pronto ad acquistare un cane in apparenza imperfetto.

=> Scopri tutto sull’alano


Al suo arrivo in casa Woodward, il cane Keller ha subito preso la piccola sotto la sua protezione, insegnandole i trucchi migliori per misurare lo spazio intorno al corpo. Nonostante la cecità e la sordità, Keller è un perfetto esempio di cane indipendente, una vera guida anche per Maise che ama accoccolarsi tra le sue zampe. Una forma di protezione e affetto che sente di ricevere dal suo fratello adottivo, pronto a difenderla in qualsiasi situazione. Questo percorso di vita che sta imparando in quello che, per il momento, è solo uno stallo le permetterà di essere pronta quando un giorno troverà la sua futura famiglia che giungerà ad adottarla.

10 novembre 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento