Finite le ferie e terminato il relax, è tempo di riprendere con i compiti di sempre, dal lavoro alla scuola fino alle incombenze del quotidiano. Una routine che spesso rattrista perché sancisce la fine del dolce far nulla. Ma c’è chi vive il rientro come una vero trauma, una sorta di abbandono: i cani. Dopo un’estate all’insegna del gioco, della condivisione di tempo e svago, i quadrupedi sono costretti a riprendere la quotidianità dei gesti. Ma anche la solitudine di ore casalinghe in attesa del ritorno dei proprietari e, in particolare, dei loro figli.

La ripresa della vita di sempre non può che rattristare i nostri amici cani, che vedono svanire la presenza costante dei lori amici umani, gettandoli nella depressione. Secondo molte ricerche made in USA, l’improvvisa solitudine produce loro ansia da separazione, favorendo quindi derive comportamentali e capricci. Non è certo una prassi, non tutti i quadrupedi si sfogheranno su tende e divani. Ma la probabilità che qualche capriccio sfugga anche agli esemplari più tranquilli è una realtà piuttosto concreta.

Per impedire che il cane patisca la separazione è importante riabituarlo alla precedente routine, impiegando la settimana prima del rientro con momenti di solitudine controllata. Magari lasciandolo in una zona comoda della casa con giochi e biscottini, oppure distraendo la sua permanenza in giardino con una mini caccia al tesoro di croccantini. Importante uscire senza salutare o sbaciucchiare l’animale, per non incrementare la sua ansia e lo stato di angoscia. Uscendo dall’alloggio come se nulla fosse, così da lasciare il cane impegnato con i suoi giochi e senza sofferenza.

Il rientro dovrà così risultare meno difficile per tutti, riportando Fido sui binari consueti della quotidianità senza depressione. Questo piccolo percorso comune servirà a tutta la famiglia, impegnata nel ripristino delle abitudini. Allontanando così la malinconia e l’ansia da fine vacanze in favore di nuove passeggiate, nuovi eventi e abitudini da condividere con gli amici scodinzolanti di sempre.

2 settembre 2014
Fonte:
Lascia un commento