I cani scovano le malattie delle piante

La straordinaria affidabilità dell’olfatto dei cani è già stata più volte verificata in ambito medico, dove diversi quadrupedi sono da tempo impiegati per la diagnosi precoce di numerose patologie, tra cui alcune forme di tumore. Oggi, però, emerge come questi animali possano essere d’aiuto anche per l’universo vegetale, in particolare per l’agricoltura e il giardinaggio. Uno studio condotto dalla Florida International University, infatti, spiega come i cani siano in grado di identificare anche le malattie delle piante.

La ricerca, pubblicata su HortTechnology, ha voluto indagare le capacità dei cani nel riconoscere la presenza di patologie sugli alberi di avocado. La scelta di questa varietà non è stata casuale: negli ultimi anni, infatti, più di 300 milioni di piante statunitensi appartenenti alla famiglia delle Lauraceae sono appassite a seguito dell’attacco di un fungo. Considerando come la micosi attacchi prima l’interno delle piante, e poi la porzione esterna, quando i sintomi si rendono visibili è ormai già tardi per un intervento. Per questa ragione, i ricercatori hanno voluto vagliare la possibilità di sfruttare sapientemente i cani per la diagnosi precoce.

=> Scopri l’olfatto dei cani contro i tumori


Gli scienziati hanno quindi addestrato un gruppo di quadrupedi a riconoscere un odore tipico di muffe e funghi, dopodiché li hanno sottoposti a più di 229 test, per scoprire l’efficacia delle loro rivelazioni. Solo in 12 casi sul totale gli amici a quattro zampe sono caduti in errore, dimostrando così la bontà delle loro capacità. Non è però tutto, poiché questi animali sarebbero in grado di scovare le più svariate patologie anche in condizione di confusione olfattiva, come la presenza di altre varietà nelle vicinanze, elevati tassi di umidità, temperature sopra la norma e molto altro ancora. Secondo i ricercatori, di conseguenza:

=> Scopri gli animali con l’olfatto più sviluppato


I cani rappresentano la migliore “tecnologia” a oggi disponibile per rilevare le malattie delle piante prima che i sintomi esterni siano visibili. Il vecchio proverbio “i cani sono i migliori amici dell’uomo” si estende quindi ben oltre al rapporto con i proprietari.

13 giugno 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento