Il ruolo del cane è molto cambiato: durante i secoli è passato da compagno di caccia a fedele guardiano, fino a rivestire il compito di confidente, occupando un posto fondamentale in famiglia. Per lui l’uomo è il capobranco, la sua famiglia il branco effettivo, per questo farne parte è sempre stato importante. Nel tempo questa sua presenza ha assunto maggiore rilievo, molti considerano il cane il migliore amico e qualcuno non nasconde di trattarli come figli. Non è certo una novità per chi ama e convive con un cane, spesso la spartizione degli spazi comuni crea legami molto forti e indissolubili.

In molti consentono al cane di casa di dormire sul divano, oppure sul letto principale, divertendosi ad appendere le sue foto in giro per casa. Nulla di strano per chi è proprietario di un quadrupede ed è consapevole di quanto possa risultare empatico, affettuoso e amorevole. Secondo un sondaggio condotto da Channel 4 su 23.000 intervistati, almeno la metà confessa di permette a Fido di dormire sul letto, un quarto di chiamarlo con vezzeggiativi tipici dei bambini e quasi tre quarti di conservare immagini dell’animale.

Spesso le razze prescelte per la condivisione del letto sono quelle di taglia più piccola, di formato contenuto. Ma c’è anche chi, nonostante possieda un San Bernardo, consenta all’amico di dormire vicino ai piedi. La convivenza comunque non si limita a spazi e nomignoli, l’affetto che si crea impone la programmazione di impegni, vacanze e feste in funzione del cane di casa. Non è certo una difficoltà o un problema per chi lo amae, spesso nasce la consapevolezza che un quadrupede non sia un giocattolo ma un essere vivente con esigenze e necessità.

Il sondaggio di Channel 4 nasce dal progetto di creare un programma televisivo a tema che si occuperà di istruire e informare il pubblico, con l’aiuto di un gruppo di esperti che risponderanno alle domande sul comportamento canino, sull’obesità, sull’aggressività, gli stati d’ansia e la loro vita casalinga.

29 settembre 2014
Fonte:
I vostri commenti
emilia, lunedì 29 settembre 2014 alle19:41 ha scritto: rispondi »

veramente i cani o micetti fanno parte della famiglia, condividono le nostre gioie e nostri dolori. Ci amano senza chiedere nulla, ma sono i compagni più sinceri per tutta a vita. io, purtroppo , sono molto anziana e non posso adottare nessuno Il mio ultimo cane si chiamava Blak.ed è stato per me come fosse un figlio. sul mio cassettone ho la sua fotografia. ogni volta che lo guardo mi sembra di non essere più tanto sola. A volte sono molto meglio delle persone. Ti amano per sempre.

Lascia un commento