I cani sono più intelligenti dei gatti: merito delle cellule cerebrali

Si riaccende nuovamente l’interminabile sfida fra gli amanti dei cani e quelli dei gatti, con un nuovo studio pronto ad alimentare la contrapposizione fra gli appassionati. I ricercatori dell’università di Vanderbilt, infatti, hanno analizzato a lungo le capacità cerebrali delle due specie, giungendo a un chiaro responso: i cani sono più intelligenti rispetto ai felini.

Per misurare le capacità di questi animali, i ricercatori hanno analizzato la quantità di neuroni corticali, considerati essenziali per le facoltà intellettive, disponibili sia per il cane che per il gatto. È quindi emerso come il quadrupede scodinzolante possa approfittare di 530 milioni di neuroni corticali, contro i 250 dei felini. Una differenza più che sensibile, ma ancora lontana da raggiungere l’uomo, con ben 16 miliardi di neuroni corticali.

=> Scopri perché cani e gatti battono i bambini


Gli studiosi, inoltre, hanno ribadito come non siano le dimensioni del cervello a determinare l’intelligenza di un essere vivente, bensì proprio la disponibilità di neuroni corticali. Un orso bruno, pur disponendo di un cervello ben 10 volte più grandi rispetto a quello di un comune gatto, può approfittare all’incirca dello stesso numero di neuroni.

Suzana Herculano-Houzel, docente di scienze biologiche presso l’università Vanderbilt, ha così commentato i risultati dello studio, presto pubblicato su Frontiers in Neuroanatomy:

Credo che il numero assoluto di neuroni di cui un animale dispone, soprattutto nella corteccia cerebrale, determini la ricchezza interna della sa mente e l’abilità di predire ciò che sta per accadere nel suo ambiente, sulla base di esperienze passate.

=> Scopri come cani e gatti esprimono amore


I risultati, spiegano i ricercatori, vanno però interpretati in senso biologico e adattivo. La maggiore ricchezza dei cani sottolinea una maggiore capacità biologica nell’eseguire compiti complessi o adattarsi flessibilmente alle condizioni di vita, ma questo non vuol dire che il gatto sia una specie dallo scarso valore cerebrale. Anche il gatto, infatti, rimane un animale particolarmente intelligente.

30 novembre 2017
Fonte:
Lascia un commento