Cani: le persone ansiose hanno più probabilità di essere morse

L’ansia può spesso rappresentare una cattiva consigliera, soprattutto quando si sovrastima il reale pericolo di una situazione che genera timore. È quanto hanno rilevato i ricercatori dell’Università di Liverpool, ad esempio, nel scovare un dato certamente interessante nel rapporto tra uomo e cane: le persone ansiose hanno infatti più probabilità di essere morse da un quadrupede.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Epidemiology and Community Health, vi sarebbe una precisa relazione tra i tratti di personalità dell’individuo e il conseguente comportamento dei cani. I ricercatori hanno analizzato un campione rappresentativo di 700 persone nel Regno Unito, determinandone la stabilità emozionale su una scala da 1 a 7, raffrontando poi questo dato alla probabilità di essere morsi da un quadrupede. Dallo studio, è emerso come ogni singolo punto raggiunto sulla scala – dove 1 rappresenta la massima ansia e 7 la maggiore sicurezza – diminuisca del 23% il rischio di un attacco da parte dei cani.

=> Scopri come i cani reagiscono al proprietario aggressivo


Stando agli esperti, alcuni effetti dello stato d’ansia – come tremolii, comportamenti nervosi, urla e movimenti inconsulti – vengono infatti interpretati dal cane come una situazione di pericolo, stimolando nell’animale una reazione di immediata difesa. Al contrario, incontrando all’improvviso un cane nervoso o arrabbiato, più si dimostra calma e capacità di gestire la situazione, minori saranno gli effetti funesti. Il cane percepisce infatti controllo dell’evento, nonché fermezza nel suo interlocutore, e non sentirà di conseguenza la necessità di difendersi. Ovviamente, queste indicazioni vanno considerate come generiche, poiché potrebbero esservi numerose variabili pronte a influire sull’effettivo comportamento del cane.

In ogni caso, le statistiche dimostrano come l’eventualità di essere morsi da un cane rimane abbastanza remota, poiché si registrano poche centinaia di casi all’anno a fronte di una popolazione canina di diversi milioni di esemplari per singolo paese europeo. Caroline Kisko, del Kennel Club inglese, ha così commentato:

=> Scopri come i cani comunicano con il proprietario


La reazione dei cani alle persone è spesso determinata da come le persone stesse reagiscono ai cani, quindi è importante riconoscere il modo migliore per interagire con gli animali nonché insegnare ai proprietari come tenere sotto controllo i loro quadrupedi, considerando come non tutti potrebbero sentirsi a loro agio nelle vicinanze di un cane. […] È quindi importante che ogni cane venga addestrato in modo appropriato e socializzato sin dai primi mesi di vita, un fatto che riduce sensibilmente il rischio di comportamenti negativi.

2 febbraio 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento