Cani pericolosi: arriva l’alcol-test per i proprietari

I proprietari di cani appartenenti a razze pericolose dovranno sottoporsi regolarmente a test sui livelli di alcol nel sangue, affinché siano sempre in grado di monitorare l’azione dei quadrupedi e di agire tempestivamente. È questa la singolare iniziativa che coinvolge la città di Vienna, in Austria, dove da qualche tempo sono state introdotte nuove norme per gli amanti degli animali.

Le autorità locali hanno stabilito una lista di razze ritenute pericolose, come Pitbull, Mastini, Bull Terrier e Rottweiler, pur riconoscendo come l’eventuale aggressività di un cane non derivi tanto dalla razza d’appartenenza quanto dall’educazione e dalle attenzioni ricevute. I proprietari di questi esemplari dovranno quindi sottoporsi regolarmente ad alcol-test e, se trovati con livelli nel sangue superiori alle soglie previste dalla legge, dovranno corrispondere una multa di 1.000 euro.

=> Scopri come viene studiato il morso del cane


Così come riferisce il quotidiano ZDF, la misura si sarebbe resa necessaria a seguito di un violento caso accaduto nel 2017. Un bambino di un anno è stato infatti ucciso da un Rottweiler inferocito, una drammatica aggressione che si sarebbe potuta evitare se la proprietaria dell’animale non avesse ignorato l’attacco, poiché troppo ubriaca. Con le nuove misure di legge, gli esperti sperano quindi di minimizzare le conseguenze negative derivanti dall’azione dei cani, stimolando i proprietari a sviluppare un rapporto positivo con l’animale, seguire training specifici per eliminare disturbi comportamentali e molto altro ancora. La maggior parte delle aggressioni, infatti, sarebbe solita avvenire poiché il cane viene lasciato incustodito in situazioni per lui confusionarie o stressanti, senza il feedback del suo umano di riferimento per comprendere come agire.

=> Scopri le indicazioni utili per il morso del cane


Le autorità municipali della città austriaca hanno anche intenzione di introdurre altre norme per garantire la sicurezza dei cittadini, dall’obbligatorietà di un libretto per certificare la presenza in casa di un cane ritenuto pericoloso sino alla museruola, da indossare in qualsiasi luogo aperto al pubblico.

12 ottobre 2018
Fonte:
Lascia un commento