L’U.S. Fish and Wildlife Service ha quattro nuovi e valorosi agenti: dei simpatici cani addestrati per scovare il traffico illecito di zanne d’avorio di elefanti e rinoceronti. Si chiamano Viper, Butter, Lancer e Locket e presto verranno impiegati nei centri di smistamento di FedEx e UPS, due dei maggiori corrieri a stelle e strisce.

>>Leggi degli 11.000 elefanti uccisi in Gabon

Il commercio illegale di prodotti in avorio è una delle principali minacce alla normale esistenza di elefanti e rinoceronti, due specie da tempo a rischio. Le zanne e le corna degli animali non vengono utilizzate solo per creare monili o statuette, ma anche come rimedi per la medicina tradizionale asiatica. Un commercio nero che porta all’uccisione di centinaia di esemplari ogni anno e che, di conseguenza, deve essere fermato con ogni modalità possibile. Una di queste è il sequestro dei beni.

>>Scopri lo stop all’avorio in Thailandia

L’era moderna sembra aver agevolato la vita dei malintenzionati, soprattutto cacciatori di frodo. La vendita online, i pacchi scarsamente controllati, le poche barriere all’inoltro: tutto concorre a rendere la spedizione d’avorio agevole, come se si fosse comprato l’ultimo smartphone di grido su eBay o da uno store online. Per questo è necessario identificare preventivamente il contenuto dei pacchi ed è per questo che il fiuto dei cani si rende di utilità irrinunciabile.

I quattro cuccioloni sono stati addestrati per 13 settimane, abituati all’odore dell’avorio e istruiti a riconoscerlo all’interno di pacchi chiusi. Bastano pochissimi secondi affinché un cane riconosca la presenza di zanne d’elefante all’interno di una scatola nascosta fra centinaia di altri pacchi o in via di smistamento sugli speciali nastri trasportatori. E gli addestratori rassicurano: per Viper, Butter, Lancer e Locket si tratta di un gioco, una modalità di lavoro molto divertente. Così spiega Ed Grace, a capo di U.S. Fish and Wildlife Service:

«La battaglia per interrompere il contrabbando non è una lotta che possiamo permetterci di perdere. Utilizzare i cani e il loro fenomenale olfatto ci aiuterà molto in questo obiettivo.»

8 aprile 2013
Fonte:
Lascia un commento