È nata una nuova moda e come sempre proviene dalla Cina: un nuovo genere di cane morbido e soffice, ribattezzato Panda Dog. Il simpatico animaletto ricorda, per colore e fattezze, l’omonimo animale simbolo del WWF. In realtà il quadrupede è un comunissimo Chow Chow, figlio di una sapiente selezione estetica. A lanciare la nuova tendenza è stato Hsin Chen, proprietario di un negozio di animali con sede a Chengdu, nella provincia di Sichuan sud-ovest del Paese.

La richiesta di questo genere di cane è cresciuta rapidamente in una nazione dove, ancora oggi, il quadrupede è parte integrante dell’alimentazione di base. Ma come tutte le mode, con relativi cambi di atteggiamento e cultura, il cane è stato elevato a un nuovo livello. Una nuova consapevolezza e rispetto, mista alla voglia sempre costante di crere novità e sperimentare.

Per questo Hsin Chen si è dato alla colorazione e alla toelettatura mirata, trasformando il cane in un simpatico Panda. Il risultato ottenuto, tingendo ad arte il pelo e tagliandolo per ottenere un volume preciso, garantisce un effetto strabiliante e molto accattivante. Il tutto rimarrà invariato per circa sei settimane, dopodiché risulteranno necessarie alcune modifiche e qualche ritocco. L’uomo assicura che nessuna sostanza chimica verrà impiegata per la realizzazione della colorazione, tutto verrà effettuato nel pieno rispetto dell’animale.

La gente non si preoccupa di pagare un extra, amano l’idea di camminare per la strada catturando l’attenzione della gente. Così da esclamare: si è un Panda Dog!

I cinesi non sono nuovi a questo genere di stravaganze e manie, spesso la loro attenzione è catturata da ciò che è inusuale e particolare. Ad esempio a Hong Kong è in voga da tempo la passeggiata con i cani multicolor, frequentemente esemplari viziati trasportati in passeggini di lusso e agghindati con collari e pettorine lussuose. Una vera discrepanza tra la tradizione che perpetua l’usanza di cucinare i quadrupedi come cibo elitario, contro quella di sfoggiare i cani come status symbol.

14 maggio 2014
Lascia un commento