Sarà forse merito di un percorso di vita che li lega da 16.000 anni, ma i cani sono fra gli animali che riescono maggiormente a interpretare le emozioni dell’uomo. Eppure, questa comprensione non sempre avviene nel senso opposto: sono molte, infatti, le ricerche recenti che svelano come gli umani debbano fare ancora molta strada per analizzare e gestire il comportamento canino. L’ultimo studio in ordine di tempo riguarda la fiducia: sebbene si sia soliti ritenere che la fiducia del cane sia sempre incondizionata, i dati raccolti mostrano invece una realtà diversa. I quadrupedi, infatti, si mostrerebbero altamente diffidenti quando i loro umani di riferimento mostrano emozioni negative, anche quando queste non coinvolgono direttamente l’animale.

La ricerca è stata condotta dalla Brigham Young University, sotto la guida del docente di psicologia Ross Flom. L’obiettivo dello studio è stato comprendere come i cani reagiscano, e si relazionino, sia alle emozioni negative che a quelle positive riconosciute negli altri. Sono stati quindi condotti dei test, in particolare si è registrata la risposta dei cani quando veniva indicato loro con il braccio un punto da raggiungere, un’indicazione prima fornita con un atteggiamento personale positivo e, poi, con uno negativo.

Dai test è emerso come, quando l’indicazione è fornita con un tono personale positivo, i cani partano immediatamente all’esplorazione del luogo indicato, pur non sapendo cosa vadano cercando. Al contrario, quando l’indicazione è negativa, gli animali presentano sfiducia e dubbi, rallentando la risposta alle richieste del proprietario. Inoltre, pare che il rinforzo positivo a livello vocale non abbia effetti aggiuntivi nel convincere il quadrupede, mentre quello negativo non faccia altro che incrementare la diffidenza. Il fatto sorprendente, però, è notare come gli esemplari alla fine eseguano il comando nonostante le loro perplessità iniziali, una risposta che alimenterebbe in loro una condizione a elevato stress, nonché di motivata paura.

24 maggio 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento