Cani e Natale: crescono le intossicazioni da cioccolato

Le feste di Natale si avvicinano e, come ormai abitudine da qualche anno a questa parte, gli esperti veterinari si apprestano a fornire raccomandazioni importanti per il benessere degli amici a quattro zampe. I cani in particolare, i quali potrebbero essere esposti durante le festività a una sostanza per loro decisamente pericolosa: il cioccolato. Perché questo dolce non è indicato per i quadrupedi e, soprattutto, quali sono le conseguenze?

A ridosso con il Natale, i centri veterinari assistono sempre con più frequenza cani intossicati, a volte purtroppo con esiti letali. Lo dimostra una ricerca condotta dall’Institute of Infection and Global Health alla University of Liverpool, nel Regno Unito, dove gli esperti hanno voluto indagare quanto sia esteso il fenomeno.

=> Scopri i pericoli del cioccolato per i cani

I ricercatori hanno raccolto le cartelle cliniche di 229 ambulatori veterinari britannici, stilate tra il 2012 e il 2017, per analizzare il numero di intossicazioni da cioccolato. Nel Regno Unito, sono stati ben 386 i casi totali, con una maggiore incidenza proprio in relazione alle festività: l’avvelenamento è quattro volte maggiore rispetto ad altri periodi dell’anno. I sintomi più riscontrati sono stati vomito e tachicardia, anche a breve distanza dall’ingestione, ma vi sono stati animali che hanno riportato anche conseguenze più gravi.

La responsabile dell’incompatibilità canina è la teobromina, una sostanza di cui il cioccolato è naturalmente ricco. I quadrupedi scodinzolanti non dispongono dell’enzima specifico per digerire questa sostanza e, proprio per questa ragione, vengono colpiti da sintomi come convulsioni, vomito, diarrea, problemi cardiaci e molto altro ancora.

=> Scopri le sostanze pericolose mangiate dai cani

È quindi molto importante tenere il cioccolato, e altre ricette che potrebbero contenerne delle tracce, lontano dalla portata dei cani. Utile sarà riporli su mensole non raggiungibili dall’animale domestico o in armadietti chiusi a chiave, poiché i cani ne sono particolarmente ghiotti, nonostante la tossicità. Proprio per questo, non bisognerà cedere agli occhi imploranti del proprio cucciolo, il quale certamente cercherà in tutti i modi di ottenere il dolce, ignorando la sua pericolosità.

21 dicembre 2017
Fonte:
Lascia un commento