Per Johnny Depp e Amber Heard non è ancora giunto il momento di mettere la parola fine sulla questione che, ormai da diversi mesi, li vede protagonisti delle polemiche in Australia. La questione è sempre quella inerente ai loro due cagnolini, Pistol e Boo, secondo il governo locale importanti illegalmente nella nazione, quindi subito rimpatriati. A diverse settimane di distanza, giunge un nuovo capitolo della vicenda: la moglie dell’attore hollywoodiano dovrà apparire a settembre davanti alle corti australiane.

La vicenda è ormai ben nota: la scorsa primavera, mentre si trovava in Australia sul set del nuovo capitolo della saga de “I Pirati dei Caraibi”, Johnny Depp e consorte sono stati accusati di aver introdotto illegalmente i due cani Pistol e Boo all’interno del continente. La legge locale, infatti, prevede che gli animali provenienti dall’estero trascorrano un periodo di quarantena prima di ricongiungersi con i legittimi proprietari, affinché non siano veicolo di contagio per le specie autoctone. È quindi stato lanciato un ultimatum di 72 ore, dove la coppia in fretta e furia ha dovuto rimpatriare i quadrupedi, pena la loro soppressione. La vicenda ha generato numerose polemiche a livello internazionale, nonché all’interno delle stesse istituzioni australiane, con membri dell’opposizione di governo pronti a dar battaglia al Ministero dell’Agricoltura.

Secondo quanto riporta il Telegraph, Amber Heard avrebbe ricevuto una richiesta di comparizione per il prossimo 7 settembre davanti alla corti della Gold Coast nel Queensland, in vista del processo. Secondo le accuse, vi sarebbe stato l’import illegale dei due Yorkshire tramite un volo privato, un fatto di cui le autorità sono entrate a conoscenza a seguito della pubblicazione sui social network delle fotografie dei due esemplari da parte di un negozio di toelettatura. Al momento, nessuna comunicazione ufficiale è però giunta dai diretti interessati, anche se in una recente intervista la giovane attrice ha sottolineato come la coppia non sia intenzionata a tornare in Australia in tempi brevi.

15 luglio 2015
Fonte:
Via:
Lascia un commento