Cani: il giardino sicuro

I cani sono i migliori amici dell’uomo grazie alla loro innata fedeltà, per questo si adattano a spazi ed esigenze chiedendo in cambio solo affetto. Ma la salute e un ambiente confortevole sono alla base di una convivenza serena. Come per tutti gli animali da compagnia, membri ufficiali delle famiglie, è importante fornire loro un luogo salutare, sicuro anche se piccolo. In particolare se si possiede un giardino: spazio ideale per corse, relax e vita quotidiana. Eppure l’angolo verde potrebbe rivelarsi una trappola per gli amici a quattro zampe.

Nel progettare e concimare il giardino è importante tenere a mente che alcune piante e fiori potrebbero risultare pericolose, oltre che velenose per la curiosità innata dei cani. Ad esempio i bulbi dei narcisi e dei tulipani, rododendri e siepi di tasso potrebbero diventare una trappola mortale perché altamente tossici. Alcuni tipi di palma e di funghi possono causare insufficienza epatica, mentre l’azalea, il mughetto, l’oleandro e il digitale agire direttamente sul cuore.

Se poi il giardino è grande è importante curarlo nel modo giusto, utilizzando fertilizzanti e concimi che non provochino problemi ai piccoli quadrupedi di casa. Da anni le aziende specializzate evitano alcune sostanze, proprio per favorire chi possiede animali da giardino, ma alcuni fertilizzanti contengono ancora la tanto temuta dietilamina. Conosciuta come Agente Arancio è un defoliante molto velenoso per i cani, è importante quindi controllare che la confezione ne sia priva. Stesso discorso per le conchiglie fertilizzanti derivate dalle fave di cacao, molto appetibili per i cani, ma altamente problematiche per il fegato e l’intestino. I sintomi ricorrenti dopo l’ingestione sono tremori accompagnati da vomito, diarrea e un’eccessiva frequenza cardiaca, in alcuni casi iperattività e persino convulsioni. In questi casi è indispensabile consultare il veterinario di fiducia o la clinica più vicina.

Oltre ai fertilizzanti è importante fare attenzione ad insetticidi, repellenti per roditori, esche in granuli ed a forma di lumaca per debellare parassiti vari. Meglio conservarli in un luogo sicuro e predisporli in zone non accessibili al cane. Il giardino, inoltre, è un vero e proprio luogo di proliferazioni per i parassiti dell’amico a quattro zampe. Cespugli e rovi sono un ricettacolo per pulci, zecche e insetti vari, è quindi importante proteggere il corpo dell’amico con gli appositi antiparassitari.

Per rendere il giardino uno spazio ad hoc per il cane è importante che la recinzione non presenti bordi o spuntoni taglienti, e che possieda l’altezza giusta per non essere scavalcata o superata agilmente. Inoltre è meglio dotare il nostro amico di un collare casalingo facilmente sfilabile, per evitare che si incastri da qualche parte rischiando la vita. Inoltre è utile conservare attrezzi e macchinari per la pulizia del giardino dietro una porta chiusa. L’estrema curiosità del cane potrebbe rivelarsi controproducente davanti a un tosaerba e una falciatrice.

Con un cane nei paraggi si è certi che non mancherà mai l’allegria, ma è giusto comprendere che, a dispetto della sua grande intelligenza, è un animale molto curioso. Quindi è giusto monitorarlo quando scorrazza in giardino, creando magari un apposito spazio sicuro e privo di tentazioni. Proteggendolo dai pericoli che si annidano nell’angolo verde e, principalmente educandolo nel modo giusto.

13 marzo 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento