Cani e gatti: i Millennial li amano più delle altre generazioni

È sufficiente collegarsi a qualsiasi social network per accorgersene: i Millennial, ovvero i nati indicativamente tra il 1980 e il 2000, amano alla follia i loro animali domestici. Cani e gatti sono infatti protagonisti indiscussi di fotografie e video, mentre sempre più giovani adulti sono pronti ad accudirne un esemplare. Una nuova survey condotta negli Stati Uniti ha cercato di quantificare l’amore di questi individui per gli amici a quattro zampe, scoprendo come sia più alta rispetto a qualsiasi altra generazione li abbia preceduti.

Il piccolo sondaggio in questione è stato condotto da Zulily, un retail online statunitense, su un campione rappresentativo di 500 Millennial a stelle e strisce. A quanto emerge dall’indagine, questa generazione sarebbe pronta a qualsiasi sacrificio per la felicità del cane e del gatto di casa, in netto contrasto con gli individui nati prima del 1980.

=> Scopri perché i Millenial preferiscono il cane al partner


Ad esempio, il 71% dei Millennial accetterebbe una riduzione dello stipendio in cambio della possibilità di portare Fufi e Fido in ufficio. Non è però tutto, poiché di questi ben il 41% accetterebbe un taglio mensile più grande del 10% sulla busta paga. Non solo lavoro, però, poiché l’amico quadrupede è anche preferito al partner: il 42% degli intervistati, infatti, gradisce maggiormente le coccole con il cane o con il gatto, anziché quelle con il compagno o la compagna di vita. Da questo punto di vista, l’animale diviene determinante per stabilire una relazione duratura: il 45% dei proprietari, infatti, non frequenterebbe una persona non gradita dall’amico a quattro zampe.

Per quanto si tenda a descrivere la generazione 1980-2000 come dipendente dalla tecnologia, ben il 65% del campione ritiene più stressante separarsi per una settimana dall’animale domestico anziché dallo smartphone, mentre l’84% soffre di ansia nel sapere il quadrupede da solo, anche per brevi periodi di tempo.

=> Scopri perché il cane migliora il lavoro dei Millennial


Non è però tutto: il 44% ha finto una malattia per saltare una giornata di lavoro, pur di passarla in compagnia dell’animale domestico, mentre il 51% compra regolarmente regali per il cane o per il gatto. L’83%, infine, si considera un “genitore modello” per gli amici a quattro zampe, rimarcandolo con orgoglio.

23 marzo 2018
Immagini:
Lascia un commento