Cani e gatti, gli esperti: non regalateli a Natale

Con l’avvicinarsi delle feste per il Natale, torna un annosa questione connessa al benessere degli animali: quella dell’adozione o dell’acquisto di un cane o di un gatto, da far trovare sotto l’albero come regalo di fine anno. Per quanto l’immagine di un cucciolo, pronto a rallegrare i più piccoli nella giornata per loro più bella, sia molto commovente, questa scelta è altamente sconsigliata dagli esperti.

A confermarlo è la divisione statunitense di Humane Society, così come riferisce Yahoo News: una grande porzione degli animali abbandonati nel primo semestre del nuovo anno proviene proprio da regali natalizi. Questo perché, forse complice l’atmosfera di festa e l’immagine di tranquillità che rimanda il mese di dicembre, raramente le famiglie valutano con attenzione l’impegno che un animale domestico può comportare.

=> Scopri il rapporto tra gatti e albero di Natale


Innanzitutto, è necessario considerare come gli animali non siano giocattoli, bensì degli esseri senzienti a cui provvedere nel lungo periodo, ben oltre alla tipica euforia natalizia. Ancora, si deve valutare se la famiglia – e soprattutto i bambini – sia sufficientemente responsabilizzata per l’accudimento di un cane o di un gatto, nonché la presenza di spazi idonei dove il quadrupede possa crescere in salute, l’esigenza di cure veterinarie continue, la volontà di sacrificare parte del proprio tempo per dedicarlo all’amico a quattro zampe.

Così come riferisce Yahoo, tuttavia, l’elemento che viene maggiormente sottovalutato è quello del costo. Considerato come il momento dell’acquisto non richieda grandi esborsi, soprattutto se non si opta per razze particolarmente pregiate, l’investimento nel lungo periodo non viene adeguatamente vagliato. Così molte famiglie si ritrovano a dover fare i conti con spese in crescita – l’alimentazione, l’acquisto di strumenti o giocattoli utili per il benessere dell’amico a quattro zampe, le fatture veterinarie, la toelettatura e molto altro ancora – non sempre facili da affrontare. Almeno negli Stati Uniti, le difficoltà economiche sono fra le prime motivazioni che spingono le famiglie a lasciare i loro compagni domestici presso canili e gattili.

=> Scopri i regali di Natale per cani


Gli esperti consigliano di valutare l’adozione di un animale domestico in altri periodi dell’anno, quando l’arrivo di una nuova presenza in casa può essere adeguatamente valutata, privilegiando il Natale solo se davvero convinti e determinati. Ancora, non è mai consigliato regalare animali a terzi esterni alla famiglia, soprattutto se non si conoscono a fondo le possibilità e le motivazioni dei riceventi.

3 dicembre 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento