Cani e gatti: 5 modi per lenire l’ansia da separazione

L’assenza casalinga del proprietario, l’uscita quotidiana per andare a lavorare, sono abitudini normali ma incidono negativamente sulla serenità del cane e del gatto di affezione. L’improvvisa sparizione dell’amico umano, con una tempistica variabile e non quantificabile per il quadrupede, è motivo di sconforto e ansia. È proprio l’ansia da separazione ad agire sulla sensibilità e sull’equilibrio emotivo dell’animale, in particolare se il suo è stato un passato marchiato dalla solitudine e dall’abbandono. Rendere queste assenze meno impattanti è un obiettivo da perseguire e raggiungere in modo positivo, così da creare una situazione serena e salutare che possa perdurare nel tempo. Ecco alcuni consigli da mettere in pratica con facilità.

Uscite meditate

Per impedire di sovraccaricare emotivamente il cane è possibile organizzare le uscite in modo metodico e intelligente, così da impedire che cada nel circolo dell’ansia e della depressione. Ad esempio potrebbe risultare utile uscire per poi rientrare dopo 5 minuti, ripetendo il tutto più volte aumentando la tempistica dell’assenza. L’uscita non dovrà essere seguita da saluti e baci, per non aumentare la sua stimolazione emotiva, piuttosto risultare anonima e differente ogni volta. Il proprietario dovrà prepararsi e poi sedersi sul divano accendendo la tv, in modo da confondere il cane, oppure prendere chiavi e borsa e recarsi in cucina per bere dell’acqua. Ogni uscita dovrà apparire varia fino a rendere la situazione parte della routine, quindi rassicurante.

=> Scopri 10 trucchi di agility per il cane


Movimento ed esercizio

Cani al parco

Prima di ogni assenza potrebbe servire effettuare un po’ di esercizio fisico e di movimento: il cane potrà sgambare e correre al parco così da sfogare l’ansia e rasserenarsi. Giochi, salti, un po’ di allenamento per circa 20-30 minuti di esercizio fisico potranno aiutarlo a smaltire l’angoscia, stancandosi così da non risultare ansioso fino a sfogarsi su mobili e accessori. Una soluzione attuabile anche con il gatto di casa che potrà condividere del tempo di qualità giocando con il proprietario.

Distrazioni

Per occupare il suo tempo durante l’assenza del proprietario, è bene fornire al cane o al gatto giochi e attività di intrattenimento, ad esempio il kong contenente del cibo oppure topolini o tiragraffi per il micio. Nel primo caso l’animale impiegherà molto tempo a recuperare l’alimento all’interno del gioco, distraendo la sua mente dall’assenza. Per il gatto qualche giochino, una serie di bocconcini nascosti ad arte per casa, la presenza di un familiare che possa passare da casa per distrarlo sono tutti trucchi utili al suo benessere emotivo.

=> Scopri come giocare con il gatto faccia bene alla salute


Musica e oggetti

Cani e fiori

Per impedire che il cane cada nell’ansia, nascondete tutto ciò che è legato alle sue uscite, come pettorine e guinzaglio, ma anche chiavi di casa e dell’automobile. Un po’ di musica, la radio accesa, la TV sintonizzata su un canale dedicato agli animali o musicale, un cd di rumori naturali potrebbe agevolare il relax dell’animale rendendo l’assenza meno pesante.

Rimedi naturali e medicine

In commercio sono presenti sostanze naturali a base di feromoni utili a calmare l’animale, che ricordano l’immagine rassicurante della madre agevolando l’amico a raggiungere una condizione di relax. Nel caso del gatto, un vasetto di erba gatta potrò catturare la sua attenzione, spingendolo a impiegare il suo tempo per la cura della stessa. In casi estremi il veterinario potrà consigliare qualche rimedio di tipo naturale o medicinale blando.

27 aprile 2018
Lascia un commento