Il cane è un animale per sua natura energico, indipendentemente dalla razza e dall’età. Per questo motivo il gioco e l’attività fisica sono fondamentali per il suo benessere, sia fisico che psicologico. Che fare, però, quando le temperature e il maltempo invernale impediscono lunghe scampagnate all’aperto?

Il freddo, le strade ghiacciate, i pericoli insiti nell’inverno come la possibilità che il quadrupede ingerisca per sbaglio dell’antigelo: con le temperature proibitive, spesso la quotidiana passeggiata si riduce alla semplice espletazione dei bisogni fisiologici. Eppure anche la casa può diventare un ambiente perfetto per l’esercizio fisico, così come per il gioco. Di seguito, alcune idee e altrettanti consigli.

  • Nascondino: un modo facile per far divertire il cane, soprattutto se di una razza giocosa come il Labrador o il Golden Retriever, è quello di improvvisare un nascondino. Praticarlo è facilissimo: si lancia un giocattolo all’animale, oppure una manciata di croccantini, e mentre il quadrupede sarà distratto ci si nasconde. Fido non rinuncerà di certo alla ricerca del proprietario e naturalmente farà dell’ottima ginnastica, soprattutto se si dispone di una casa a più piani;
  • Profumi: la stimolazione olfattiva è uno dei metodi più rapidi per ottenere l’attenzione del cane, nonché per costringerlo a un po’ di moto. Sarà sufficiente nascondere la pappa quotidiana in qualche angolo della casa o, in alternativa, alimentare la curiosità e l’inventiva dell’animale chiudendola in una scatola o creando dei percorsi a ostacoli con cuscini e sedie, affinché Fido possa raggiungerla;
  • Abilità: in casa è sempre molto difficile lanciare la pallina o attendere che il cane riporti un legnetto gettato lontano, per l’ovvio spazio limitato. Per questo, bisogna puntare su altri giochi che ne sviluppino l’abilità e l’intuito. Un sistema semplice è quello di legare un biscotto a uno spago, da lasciare a penzoloni a un’altezza che l’animale non potrà raggiungere con un salto. L’altra estremità della corda andrà legata a una porta, così che l’apertura o la chiusura della stessa faccia salire o scendere il biscotto. Il quadrupede dovrà capire questo meccanismo e, dopo qualche prova fallita, riuscirà di certo a ottenere il suo premio;
  • Corsi indoor: se la permanenza al parco non è possibile per temperature troppo proibitive o, in alternativa, poiché l’area risulta inagibile, si può pensare a un corso in una struttura indoor. Facili da raggiungere sia con i mezzi che con l’auto, solitamente queste strutture organizzano corsi di agility, nuoto, socializzazione e molto altro ancora in un ambiente sicuro e protetto.

Infine, una precisazione: l’inverno non può essere una scusa per giustificare la pigrizia del proprietario. Non appena le condizioni meteo lo permettono, uscire con il cane diventa un obbligo.

4 gennaio 2015
Lascia un commento