Cani e disidratazione: sintomi e soluzioni

La disidratazione è una problematica che può colpire il cane tutto l’anno, con picchi di incidenza durante la stagione più calda, ovvero l’estate. Ma l’amico può soffrire di questa condizione anche per altre cause e non necessariamente legate al meteo e alla stagionalità, come ad esempio le problematiche di tipo intestinale oppure temperature casalinghe troppo alte, quindi una scarsa idratazione condita da poco interesse per l’acqua. Un’alimentazione troppo asciutta e priva di cibo umido, oltre a giornate invernali di caldo improvviso: tutto può agire sul benessere del cane. Vediamo quali sono le cause più ricorrenti.

Acqua e alimentazione

Un cane disidratato potrebbe patire la carenza di acqua all’interno della sua dieta, troppo ricca di prodotti asciutti e con totale assenza di cibi umidi. Questo genere di scelta induce l’animale a cercare di idratarsi in vari modi, ad esempio cercando di bere nella vasca o nei sanitari di casa, oppure dalle pozzanghere presenti lungo la strada. Un corpo poco idratato manda in sofferenza l’animale e gli organi, come ad esempio i reni, con problematiche associate alla poca minzione.

=> Scopri l’importanza dell’acqua nella dieta del cane


Esercizio e temperature

Cane in acqua

Se Fido segue corsi di agility o ama correre e rotolarsi, è importante farlo bere dopo l’attività fisica così da abbassare la temperatura interna. Una condizione che può rivelarsi opprimente, in particolare d’estate, e che può condurlo al colpo di calore, vista la sua impossibilità a sudare e quindi a disperdere il caldo accumulato. Anche le temperature casalinghe vanno regolate in funzione di tutti gli inquilini, cane compreso, che potrebbe soffrire una gradazione eccessiva.

Intestino

Anche le problematiche di natura intestinale possono favorire la disidratazione, spingendo il cane a urinare più volte, quindi a cadere vittima di diarrea o anche vomito. Una flora batterica intestinale stravolta da problemi di salute, intossicazioni varie e un’alimentazione sbagliata producono questo genere di risultati. Importante chiedere subito supporto al veterinario così da affrontare per tempo la situazione e porvi rimedio.

=> Scopri quanta acqua deve bere il cane


Segnali e sintomi

Cane e acqua

I sintomi della disidratazione non sono da sottovalutare o ignorare, quelli più comuni spingono Fido a sbavare, ansimare con respiro affannoso, mostrare un comportamento agitato, ansioso quindi camminare nervosamente. Le gengive sono secche e asciutte, gli occhi appaiono più infossati e l’animale è più lento e letargico, sempre alla ricerca di una fonte di acqua, leccandosi continuamente la bocca e urinando molto meno frequentemente. Un altro segnale è indicato dalla pelle della collottola: sollevandola dovrebbe rientrare subito in posizione sinonimo di cute elastica e tonica. Più tempo impiega per riprendere la posa, maggiore sarà la disidratazione.

Cura

In questi casi è importante condurre l’amico dal veterinario che, dopo una visita accurata, potrà consigliare la cura più adatta. Spesso la disidratazione può segnalare problematiche più pressanti e subdole, che è bene stanare e risolvere.

29 ottobre 2018
Immagini:
Lascia un commento