Negli USA da tempo si è acceso il dibattito sulla legalizzazione della marijuana a scopi terapeutici e sono diversi gli stati – come quello di Washington e il Colorado – dove il possesso della droga leggera non è più reato. Vi è però un effetto collaterale non vagliato dalle novità della legge: i cani antidroga devono essere nuovamente addestrati.

>>Leggi dei cani intossicati con la cannabis

I cani utilizzati per scovare la droga – in particolare i Pastori Tedeschi – sono ovviamente abituati a rilevare ogni sostanza senza distinzioni, cannabis compresa. Non sarebbe di per sé un problema, segnalata la marijuana gli agenti non farebbero altro che rilasciare i sospetti data la non esistenza di un reato, se non per un vincolo normativo.

Il quarto Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, infatti, prevede che i cittadini non siano sottoposti a perquisizioni irragionevoli: le prove rilevate in queste perquisizioni, di conseguenza, non sono valevoli ai fini di un processo. Si ipotizzi, allora, il caso di un criminale che porta con sé una pistola non regolarmente registrata e utilizzata per un reato: qualora il cane avvertisse la presenza di cannabis e si avviassero le verifiche per questo motivo, il criminale potrebbe appellarsi al quarto emendamento e far cadere tutte le prove sul possesso illecito dell’arma da fuoco.

>>Leggi dei cani sfruttati come corrieri per la droga

La polizia a stelle e strisce sta già provvedendo per la risoluzione di questo problema, con due modalità d’azione differenti. La prima è l’importazione di cani dall’Olanda, dove i Pastori Tedeschi sono già in grado di distinguere tra cannabis, cocaina ed eroina considerato come da anni le droghe leggere siano libere nella nazione europea. La seconda vede veri e propri corsi d’aggiornamento per i cani che, tuttavia, potrebbero richiedere tempistiche lunghe. Così spiega un portavoce delle unità del colorado:

«I cani che usiamo sono i più sensibili e intelligenti. Ci vuole un po’ di pazienza, ma imparano anche a dimenticare.»

6 giugno 2013
Fonte:
Lascia un commento