I cani comprendono alla perfezione l’umore umano

I cani comprendono alla perfezione l’umore umano, in particolare quello del proprietario. È quanto rivela un gruppo di studi promossi dai ricercatori dell’University College di Londra, nell’analizzare le capacità emozionali e sociali degli amici a quattro zampe. Non è però tutto, poiché la loro perspicacia nell’interpretare le emozioni sarebbe ben più spiccata di quella dell’uomo, il quale spesso sbaglia a interpretare gli stati d’animo canini.

Le ricerche saranno illustrate in occasione delle prossime Royal Institute Christmas Lectures, promosse da Sophie Scott, una professoressa di scienze neurologiche presso l’ateneo sopracitato. Secondo l’esperta, l’uomo tenderebbe a sottostimare le capacità intellettive e sociali del cane, poiché abituato a considerarlo alla stregua di un bambino. Eppure, sebbene le loro facoltà mentali ricordino proprio da vicino gli infanti, sull’interpretazione dei segnali provenienti dall’esterno i quadrupedi risulterebbero decisamente più abili.

=> Scopri i cani attratti dal sorriso umano

Sebbene i dettagli degli studi verranno resi noti solo in occasione dell’evento, l’esperta ha già anticipato come alcune ricerche abbiano dimostrato come i cani sappiano interpretare perfettamente le espressioni e i comportamenti dei loro proprietari, che scrutano a fondo poiché considerati gli esemplari alfa del loro branco. Riescono quindi a capire quando l’amico umano sia triste, arrabbiato, divertito o depresso, adeguando il loro comportamento di conseguenza.

Così non avviene a parti inverse, invece. Le ricerche dimostrerebbero, infatti, come gli uomini siano parecchio scarsi nell’interpretare l’umore dei loro amici animali. Un’analisi fotografica, ad esempio, ha evidenziato come spesso il cane dimostri segni di stress e di ansia quando viene abbracciato: in questo caso, il proprietario sbaglia a interpretare un segnale espressivo, considerandolo una richiesta d’affetto anziché un bisogno di solitudine.

=> Scopri l’empatia dell’uomo verso i cani

Non resta quindi che attendere di scoprire nel dettaglio gli studi, in occasione delle Royal Institute Christmas Lectures di fine dicembre. L’evento sarà registrato da BBC e, con molta probabilità, gli spezzoni più interessanti saranno condivisi anche sui social network.

12 dicembre 2017
Fonte:
IBT
Lascia un commento