Cani: i comportamenti che odiano nell’uomo

Cane e uomo: un binomio perfetto, specialmente se la convivenza può contare su affiatamento, fiducia e affetto. Il quadrupede è un compagno fedele che rende migliore la quotidianità dell’umano, a cui si affida e che difende dai pericoli. Esistono però una serie di comportamenti e atteggiamenti che Fido non ama e gradisce particolarmente, che andrebbero evitati così da migliorare la sintonia di gruppo.

Regole

Il cane deve poter basare la sua esistenza sulla presenza di regole precise che definiscono la sua quotidianità, poche ma giuste per tracciare una linea da seguire. Sbagliato lanciare input contrastanti che possono creare confusione, come ad esempio lasciare a Fido la possibilità di salire sul letto in nostra assenza e vietargli l’accesso durante la notte. Questo produce sconcerto e frustrazione nell’animo del cane, che si sente spaesato. Un discorso simile va esteso all’assenza totale di regole, che spinge il cane a prendere il comando mostrando un atteggiamento poco gestibile e aggressivo.

=> Scopri l’interazione base tra i cani


Interazione e passeggiata

Cani e corda

Fido ama passeggiare e sgambare, anche per assolvere alle sue necessità fisiologiche, trascorrere troppo tempo in casa non è salutare. L’uscita deve rispettare le tempiste dell’amico che dovrà avere il tempo di annusare spazi e luoghi, così da decodificare i profumi presenti e marcando a sua volta il territorio. Anche l’interazione con gli altri cani deve sempre essere monitorata, senza forzatura alcuna per non favorire litigi e aggressività. Se Fido mostra disagio nei confronti di una situazione o di un altro cane, è giusto evitare l’approccio scegliendo un altro percorso.

Carezze, abbracci e comportamento

Il cane ama le coccole ma non adora sentirsi picchiettare sulla testa, in particolare se l’uomo è in piedi proteso verso l’amico assumendo involontariamente un atteggiamento di predominanza. Meglio inginocchiarsi alla sua altezza e accarezzarlo con delicatezza, permettendogli di avvicinarsi con serenità. Stop agli abbracci, che tollera solo dai bambini, perché lo mettono a disagio sentendosi intrappolato e minacciato. Inoltre è bene non fissarlo negli occhi con insistenza, per non favorire ansia, confusione e senso di minaccia.

=> Scopri come calmare il cane durante il temporale


Paura dei rumori forti e rassicurazioni

Cane e bambini

Fido non ama i rumori forti come il temporale e i fuochi d’artificio, per lui vero tormento e fonte di angoscia. Per questo è bene metterlo al sicuro lontano dalla fonte di disturbo, ma non rinchiuso da solo in un box, in una gabbia o in garage. La condizione potrebbe solo aumentare lo stato d’ansia e l’angoscia anche con esiti letali. Meglio fornire supporto emotivo, se necessario anche con prodotti naturali prescritti del veterinario, e parlare con un tono tranquillo e sereno, assumendo un atteggiamento pacifico e naturale. Fido avverte gli sbalzi d’umore del proprietario, cosa che lo confonde e destabilizza.

Abiti e pulito

Il cane non ama indossare abiti e accessori come se fosse una bambola, ciò incide sulla sua sicurezza personale favorendo frustrazione e snaturando il suo odore naturale. Un discorso simile vale per tessuti e abiti presenti nella vita del proprietario, il cui odore è molto rassicurante per il cane. Per questo può risultare utile affidare al cane un capo sporco prima di buttare tutto il resto in lavatrice, in questo modo l’amico si sentirà protetto anche in una casa igienicamente impeccabile.

=> Scopri le lezioni che i bambini apprendono da cani e gatti


Sonno e bambini

Cane triste

Il cane non ama essere interrotto mentre dorme, specialmente se il risveglio è brusco e improvviso, cosa che procura in lui ansia, angoscia e può produrre una reazione nervosa. Un discorso simile vale per l’ingresso in casa di un nuovo membro, come ad esempio un figlio appena nato che potrebbe apparire al cane come una minaccia. La conoscenza deve avvenire in modo graduale, magari con l’inserimento di oggetti e copertine del piccolo da far annusare a Fido così da familiarizzare. L’incontro avverrà in territorio neutrale, possibilmente fuori casa e senza forzature, così da consentire al quadrupede di valutare con calma la nuova presenza.

17 luglio 2018
Immagini:
Lascia un commento