Cani e bambini: un binomio perfetto, sinonimo di amicizia e complicità. Scavando nella memoria può riemergere il ricordo della vicinanza di un animale domestico, un cane o un gatto che possono aver caratterizzato l’infanzia di chi oggi è adulto. Crescere insieme è un atto positivo, che sensibilizza nei confronti degli animali, e al contempo responsabilizza fortemente. Permettere ai piccoli di casa di vivere al fianco di un cane è un’esperienza positiva e importante, perché offre la possibilità di un adeguato sviluppo emotivo, oltre che una protezione dal punto di vista fisico e della salute. La risposta immunitaria appare forte e incisiva, proprio grazie alla vicinanza di Fido, rinforzando così le difese dei piccoli di casa con una riduzione delle infezioni alle vie respiratorie.

Supervisione ed educazione

Il primo step da affrontare riguarda la supervisione di cane e bambino insieme: vietato lasciarli soli nonostante la grande sintonia. È compito dell’adulto introdurre il cane nella vita dei più piccoli, e viceversa, educando i bambini al rispetto della nuova presenza, senza trasformare il cane in un oggetto o in un gioco. Importante creare un ambiente positivo, gioioso, arenando eventuali comportamenti possessivi da parte del cane ed evitando, al contempo, che il bambino si impossessi di un oggetto dell’animale o si intrometta durante il momento del pasto. Tra i due si deve creare una dinamica allegra, serena, nel rispetto dei rispettivi ruoli e delle regole domestiche, utili a favorire una crescita condivisa e costante.

=> Scopri perché cani e gatti sono la medicina dei bambini


Spazio e regole

Come anticipato, è importante che cane e bambino seguano le rispettive regole, cooperando per la realizzazione di una sintonia funzionale e senza invadere i rispettivi spazi personali. Almeno per i primi tempi, la casa dovrà risultare un ambiente domestico sicuro, in misura di entrambi, così da interagire in modo sano e sempre sotto la supervisione di un adulto, che dovrà porsi nel mezzo in caso di necessità. Come ad esempio la presenza di un gioco amato dal cane e sottratto dal bambino, oppure a fronte di troppa irruenza da parte del pargolo, solito aggrapparsi a pelo e orecchie. I cani sono animali pazienti ma certi gesti potrebbero risultare poco graditi, per questo è giusto interrompere la dinamica dirottando l’interesse su altro, permettendo al quadrupede di allontanarsi.

Sostegno emotivo e comportamentale

Una crescita fianco a fianco permetterà la nascita di una sintonia unica, utile dal punto di vista della formazione del carattere del bambino. Il cane è sostegno e aiuto, non solo fisico, ma anche e principalmente emotivo, specialmente in caso di insicurezza. Rivolgere le confidenze a Fido, leggere a voce alta in presenza del quadrupede, abbassa i livelli di stress implementando la sicurezza personale. Interagire con lui permette una crescita sana che indice positivamente sul comportamento e sull’educazione, in grado di fare proprio il rispetto per il cane e la comprensione dei rispettivi ruoli.

Responsabilità ed empatia

Aiutare nella gestione della quotidianità del cane responsabilizza il bambino, che comprende le necessità dell’amico, il bisogno di sgambare, la ritualità dei pasti, del sonno e la necessità di raccogliere le deiezioni. In questo modo si offre al piccolo di casa un esempio educativo corretto, che favorisce maggiore civiltà personale ma anche un aumento dell’empatia nei confronti del regno animale e della natura. Interagire con un cane, con la sua sensibilità e il suo affetto, permette un rafforzamento della sfera emotiva.

=> Scopri perché i bambini sono più sani con i cani


Gioco, interazione e complicità

Vivere con un quadrupede consente di uscire più spesso per giocare, correre e quindi svagarsi maggiormente in piena salute e sicurezza. Favorisce l’interazione, le coccole e le chiacchiere con l’animale, ma anche con altri bambini e con gli adulti, in modo consapevole e sicuro del proprio ruolo. Un toccasana per chi è timido oppure è affetto da qualche disturbo legato alla comunicazione o all’interazione, non a caso i cani trovano spazio anche nella pet therapy. Infine, è facile creare complicità o un legame forte con il cane, duraturo nel tempo, un’amicizia di quelle indimenticabili che riempirà la memoria e i ricordi per sempre.

3 novembre 2017
Lascia un commento