Andare dal dentista è un’esperienza utile e spesso necessaria, ma non sempre rilassante. L’idea del trapano e del dolore potrebbe abbattere anche l’animo più tenace, per questo l’americana Pediatric Dentistry of Northbrook, in Illinois, ha deciso di avvalersi di un aiuto fondamentale. Un assistente senza pari che, grazie alla sua presenza e alla sua calma, riesce a rasserenare i pazienti più agitati e timorosi: i bambini. Si chiama Jo Jo ed è un bellissimo esemplare di Golden Retriever di sei anni, che già svolge assistenza affiancando i bambini della scuola elementare di zona.

La sola presenza del cane si è rivelata vincente sia per lo studio che per i pazienti, che accedono più volentieri e consapevolmente alla zona poltrona e attrezzatura. I bambini, in particolare, si siedono mentre Jo Jo si accuccia accanto a loro, magari allungando una mano verso la zampa così da infondere coraggio. Una carezza lungo la testa morbida e il muso soffice e l’intervento più semplice si risolve in velocità, senza terrore alcuno. Questo rimedio ha permesso allo studio di agire più velocemente e senza l’utilizzo di sedativi da impiegare per gli animi più agitati. Ora una semplice pulizia dei denti si può affrontare senza ansia, basta coccolare il cane Jo Jo che di certo non si sottrarrà alla richiesta.

La presenza dell’animale riesce a tranquillizzare i più piccoli ma anche gli adulti, che si ripresentano successivamente con meno angoscia. Il risparmio nei confronti dell’utilizzo di sedativi e medicinali è evidente, quindi l’inserimento di Jo Jo si è rivelato di grande importanza. Ma anche per lo stesso staff che ama giocare con il quadrupede, dedicandogli tempo e coccole. Jo Jo è un cane addestrato a questo genere di intervento e affiancamento, ma non è l’unico nel suo genere. Lo studio del Dr. Paul Weiss, dentista pediatrico di Williamsville nello stato di New York, si avvale del supporto del cane Booke. Mentre la presenza degli animali all’interno di ospedali, scuole e strutture di assistenza è spesso ben accetta come parte integrante di un percorso di pet therapy.

4 aprile 2016
Fonte:
Lascia un commento