I cani amano la musica e, secondo alcuni studi, sono anche in grado di ballare. Ma ciò che emerge da una recente ricerca è il genere da loro maggiormente prediletto. Ovviamente ogni quadrupede, esattamente come ogni umano, possiede un gusto e una predisposizione personale, che spingono la scelta verso una melodia al posto di un’altra. Ma è certo che per i cani il genere musicale più amato sia il reggae, una sonorità particolare che i quadrupedi adorano, come ha confermato l’Università di Glasgow. Lo studio portato avanti dall’ateneo si è avvalso del supporto della Scottish SPCA, l’associazione scozzese per la salvaguardia e la tutela degli animali, attraverso la diffusione di questa tipologia di musica nei rifugi da loro gestiti.

I vari test messi in atto dal professor Neil Evans hanno formulato una serie di risposte positive: il reggae rilasserebbe e rallegrerebbe l’umore dei cani. Sottoposti ad ascolti mirati, i quadrupedi avrebbero reagito in modo differente sia per il soft rock, che per la musica classica, quindi per il soul e per la musica pop. In alcuni casi hanno preferito acciambellarsi per assaporare con calma la musica, in altri la reazione è stata più energica e attiva. L’esperimento ha tenuto conto della frequenza cardiaca di ogni cane in risposta alla sonorizzazione, quindi la reazione emotiva all’ascolto.

=> Scopri la musica per gli ospiti dei rifugi


Come anticipato, la musica reggae e il soft rock tendono a rilassare l’animo dell’amico di affezione, che trova l’ascolto salutare e interessante. Visto l’esito positivo della ricerca i centri SSPCA di Glasgow ed Edimburgo hanno concretizzato il tutto inserendo i generi più apprezzati in filodiffusione, in modo da permettere a tutti gli ospiti di beneficiarne. Uno studio più approfondito potrebbe favorire la creazione di una playlist specifica, frutto dell’interesse personale di ogni singolo quadrupede presente nel rifugio. I gatti, invece, pare mostrino una preferenza spiccata per la musica classica che li aiuterebbe nella fase di relax incentivando la calma.

1 febbraio 2017
Immagini:
Lascia un commento