Cani: allarme abbandoni per San Valentino

Si avvicina la festa di San Valentino, l’evento annuale degli innamorati, e con essa la ricerca di un regalo che soddisfi il nostro amato. Tra le valanghe di fiori, cioccolatini, gioielli, poesie e peluche, purtroppo da qualche anno trovano spazio anche gli animali. Teneri cuccioli di cane e gatto da donare al nostro lui o alla nostra lei del cuore, come pegno del nostro incredibile amore.

>>Vai al San Valentino per cani e gatti

Spesso ci si dimentica che un animale non è un oggetto e non può essere considerato un pegno d’amore. In qualità di essere senziente necessita di cure, attenzioni, amore e comprensione. Inoltre acquistare un cane implica assumersi un impegno, con nuove regole, nuovi orari. E se all’interno del nucleo familiare vive da tempo un altro cane, sarà indispensabile attuare un percorso di conoscenza per rendere più facile la nuova convivenza.

Regole e necessità che non vengono mai prese in considerazione quando si compra un cane e il più delle volte il tenero cucciolo fatica a inserirsi nel nuovo nucleo familiare. Specialmente se lo si considera alla stregua di un peluche o di un giocattolo. E l’esito è sempre lo stesso: abbandono e canile.

Per questo l’ENPA di Monza ha lanciato un’iniziativa lodevole, un’adozione a distanza di uno degli animali ospiti del canile-gattile di Monza. Il progetto si chiama Famiglia a Distanza e con un contributo di 90 euro per sei mesi si può adottare uno o più ospiti. I protagonisti sono nove cani, un gruppo di gatti e una banda di simpatici erbivori (capre, pecore, pony). Verrà rilasciato un attestato con aggiornamenti fotografici mensili, e la possibilità di andare a salutare il nuovo amico. Questo il messaggio di sensibilizzazione:

«Se vuoi dimostrare il tuo amore verso una persona speciale, perché non regalarle un’adozione a distanza? È un modo originale per fare un dono doppiamente generoso: verso la persona a cui volete bene, ma anche verso il bisognoso amico a quattro zampe che riceverà il vostro aiuto».

11 febbraio 2013
Lascia un commento