Il caldo di questi giorni, interrotto da sporadici temporali, ha colpito profondamente sia uomini che animali. E se bere e idratarsi con acqua e bevande simili è una soluzione utile, la metodologia con cui si elimina il calore differisce da umani e cani. Per questo alcuni esperti, interpellati in merito, hanno proposto un decalogo di regole e suggerimenti da mettere in atto. Varese News, nel dettaglio, ha chiesto qualche informazione a Laura Mai di Code al Vento, consulente della relazione Uomo-Cane, educatore e istruttore cinofilo. L’esperta ha suggerito un vademecum da seguire costantemente, così da esporre il meno possibile gli amici di affezione al caldo eccessivo. La prima regola impone di non uscire nelle ore più calde, in particolare quando l’asfalto è rovente e pericoloso per il benessere delle zampe di Fido. Lo stesso discorso vale per la spiaggia e per le rocce, dove una camminata risulterebbe davvero spossante.

Per evitare scottature, in particolare in esemplari dalla cute chiara, è bene non tosare il cane. Nonostante le perplessità, il pelo svolge il ruolo di barriera e protezione dai raggi del sole, meglio limitare l’azione alla classica spazzolata per eliminare i peli morti. I cani a pelo corto andranno protetti con creme apposite da spalmare sulle parti più esposte. Per quanto riguarda il pasto, potrebbe risultare più rinfrescante fornirlo nelle ore serali, in quantitativi leggermente ridotti. Affiancando sempre una ciotola di acqua fresca da cambiare più volte durante il giorno. Per quanto riguarda la permanenza in ambito domestico Fido deve stazionare in zone ben areate, senza sbalzi di temperatura.

Massima attenzione nei riguardi delle razze più delicate, come Carlino, Boxer, Bulldog definiti brachicefali, quindi con gli esemplari più anziani. Meglio una vacanza al fresco in montagna, che possa ristorarli lontano dal caldo. Mentre per quanto riguarda i cani anziani, meglio prestare attenzione alla presenza di piaghe e tagli mantenendole sempre pulite e disinfettate. Infine è possibile creare golosità rinfrescanti a base di acqua, frutta e magari poco yogurt magro da riporre in freezer per ottenere ghiaccioli golosi e sani.

13 luglio 2016
Fonte:
Lascia un commento