Quella di volare e del vuoto è una delle paure più diffuse al mondo. Eppure prendere un aereo diventa sempre più un’attività quotidiana, con la necessità moderna di spostarsi in fretta e i prezzi vantaggiosi delle compagnie low cost, molto spesso inferiori alle alternative come quella su rotaia. Per gestire l’ansia dei passeggeri impauriti e ridurre lo stress da viaggio, all’aeroporto di San Francisco arrivano i cani della pet-therapy.

Si chiama “Wag Brigade”, la brigata scodinzolante, ed è un gruppo di cani addestrati per la pet-therapy, prestati dalla Society for the Prevention of Cruelty to Animals (SPCA) all’aeroporto di San Francisco SFO. L’obiettivo è quello di calmare e rilassare i passeggeri in attesa di salire a bordo, in ansia per il viaggio o in preda a veri e propri attacchi di panico.

Il fine è quello di fornire uno sfogo allo stress e di rendere il viaggio più piacevole per i passeggeri dei terminal del SFO, invitandoli a interagire e a giocare con i cani.

Ogni cagnolone, perfettamente addestrato per gestire qualsiasi situazione di stress e per nulla allertato da eventuali movimenti inconsulti o reazioni di paura, indossa una pettorina con la scritta “Pet Me!”, accarezzami. A quanto pare, il progetto starebbe funzionando alla perfezione – in particolare con i bambini – perché l’interazione con i quattro-zampe riduce l’ansia stimolando la produzione di serotonina ed endorfine. In altre parole, la paura viene tenuta sotto controllo e l’esperienza positiva pre-volo agisce in modo positivo sulla psiche, allontanando pensieri funesti e aumentando la fiducia nei confronti dell’equipaggio.

Quello di San Francisco non è il primo aeroporto statunitense che ha deciso di includere gli animali per aumentare la serenità dei viaggiatori. All’aeroporto internazionale di Los Angeles, ad esempio, è in vigore il Pets Unstressing Passengers (PUP), mentre al Fort Lauderdale-Hollywood International Airport vi è il gruppo degli AmbassaDog. A Miami, infine, da tempo si aggira Casey, una Golden Retriever di 25 chili del team K-9.

3 dicembre 2013
Fonte:
Lascia un commento