Un’iniziativa molto particolare coinvolge alcune cittadine della zona del varesotto, in particolare le classi della scuola primaria di Angera. Nei prossimi giorni un veterinario, Stefano Pozzi, e un educatore cinofilo, Giancarlo Gianelli, faranno il loro ingresso in classe, accompagnati da un simpatico amico a quattro zampe.

>>Scopri le lezioni di carezze canine

Il progetto si chiama Diversi Ma insieme ed è nato grazie alla collaborazione tra l’associazione Anch’io Voglio Correre Onlus e l’amministrazione comunale angerese che finanzia l’iniziativa. L’incontro serve a educare i bambini per un corretto approccio nei confronti degli animali, in particolare dei cani.

>>Leggi del gatto aiutante del bimbo muto

Gli incontri avverranno all’interno delle classi di terza, quarta e quinta della scuola primaria di Angera. Successivamente verranno estese all’istituto G. Pascoli di Taino. Il progetto possiede il consenso dei genitori, oltre che una buona partecipazione attiva dal punto di vista economico.

>>Guarda i cani nelle scuole

È un’occasione unica per educare nel modo corretto i bambini, avvicinandoli serenamente a Fido. Comandi, gesti, interazione verranno seguiti e spiegati nel dettaglio dagli esperti. Come sostiene la presidentessa dell’associazione animalista, Maria Paola Comolli:

«Vogliamo insegnare ai ragazzi il rispetto dei diritti di tutti gli esseri viventi e un corretto rapporto con la natura. Consideriamo importante sviluppare nei bambini la capacità di relazionarsi con gli animali, diminuendo la diffidenza nei confronti della diversità. Da una prima conoscenza tra animali selvatici e familiari, il nostro lavoro è proseguito dando ampio spazio al cane quale animale sociale: caratteristiche comportamentali, come avvicinarsi a questo animale, varie razze e utilità. Crediamo che coinvolgere i bambini in questo progetto possa porre le basi di adozioni responsabili e di prevenzione di abbandoni e fornisca ai piccoli una corretta modalità relazionale al fine, non ultimo, di evitare incidenti con gli animali».

6 marzo 2013
Lascia un commento