Cani: i 5 giochi più adatti per i loro denti

La masticazione è molto importante per il cane: è un bisogno primario, una necessità utile a conoscere il territorio e il mondo che lo circonda. Una metodologia per confermare il suo carattere e la sua indole, una via per esprimere e comunicare l’energia che risiede in lui. È una strategia per rilassarsi, per farsi i denti – specialmente quelli in crescita – quindi per contrastare la noia, l’ansia da separazione e la solitudine. Non sono dispetti ma un atto comunicativo, che può comunque degenerare se l’animale non è consapevole del gesto e non ha mai ricevuto regole in merito.

L’obiettivo è quello di offrirgli articoli utili per il suo benessere, distraendo l’attenzione da elementi potenzialmente dannosi o facili alla rottura. Senza sgridare o punire l’animale che non può comprendere la problematica, perché mai illustrata attraverso l’educazione e le regole. Per questo potrebbe risultare utile coinvolgere un educatore, una guida che possa aiutare Fido e il proprietario in questo percorso educativo. Ma per implementare la sua masticazione, catturando l’attenzione dell’animale, è possibile consegnarli una serie di giochi o articoli sicuramente più adatti. Vediamo insieme quali.

Plastica

Molti articoli per la masticazione sono realizzati in plastica, sia rigida che morbida, ma generalmente sono prodotti dall’origine certificata e controllata. Per questo è importante osservare la qualità perché non siano in PVC, vinile o gomma facilmente deteriorabili quindi realizzati a basso costo. Questi elementi possono frantumarsi durante la masticazione, risultare friabili e perdere pezzi e finire velocemente all’interno dell’esofago e dello stomaco di Fido. Altri possono perdere colore, tinture o sostante che, con il tempo, possono risultare dannose e tossiche. Come anticipato, è bene spostare l’interesse su prodotti sicuri, dalla consistenza salda e ludicamente interessanti, come ad esempio il Kong o le ossa realizzate con lo stesso materiale.

=> Scopri l’importanza del gioco per i cani


Corda

Cani e corda

Il cane può gradire la presenza della corda, magari intrecciata o con nodi, solitamente realizzata in cotone resistente. Un gioco davvero utile, che lo spinge verso il movimento e l’attività fisica, in particolare per apprendere nuove regole legate al riporto. La corda è un articolo interessante e stimolante, può presentare frange e appendici a cui è fissato un gioco o magari una pallina di gomma rigida. Anche in questo casom la qualità legata alla scelta potrà premiare, permettendo al cane di masticare in modo sicuro.

Peluche specifici

Pupazzi e peluche specifici per l’utilizzo canino sono facilmente reperibili in commercio: sono giochi adatti a questo genere di attività. Il materiale impiegato e le cuciture realizzate rendono l’oggetto valido e resistente, ma ovviamente è bene monitorarne sempre la compattezza per ridurre il rischio di incidenti. Se l’oggetto dovesse presentare tagli, fuoriuscita di imbottitura, parti staccate, è bene sostituirlo prontamente.

=> Scopri quali verdure può mangiare il cane


Verdura

Cane e carota

Anche la verdura potrebbe rivelarsi un valido articolo per la masticazione canina, oltre a favorire la pulizia dei denti stessi. Meglio prediligere le carote, prontamente ripulite dalla buccia e lavate, da consegnare al quadrupede tagliate in modo adeguato. L’animale potrà così sgranocchiare e masticare senza problemi, senza che ostruiscano la respirazione.

Cosa non dare al cane

Molti gli articoli che è giusto e sano non fornire al quadrupede, tra questi le ossa – cotte o crude – facili allo sbriciolamento e all’ostruzione. Bastoni e legni di varia misura, le cui schegge possono infilzare bocca, gola e naso dell’animale oltre a finire nello stomaco. Sassi, pezzi di plastica di dubbia provenienza, pantofole, oggetti di stoffa e vestiti, giochi per bambini dal piccolo formato come ad esempio i mattoncini per le costruzioni. Ma anche articoli in metallo o verniciati, mobili, involucri rigidi per alimenti e tutto ciò che può condizionare la salute dell’animale.

24 maggio 2018
Lascia un commento