Un’incredibile storia inorridisce per la sua crudeltà: un piccolo cane anziano, di razza Yorkshire Terrier, è stato gettato nella spazzatura come se fosse un vecchio oggetto di cui sbarazzarsi. Il suo proprietario, di Wigan nel Lancashire, credendolo morto ha ben pensato di buttarlo nel cestino fuori casa insieme ai sacchi dell’immondizia. Il piccolo ha così trascorso un’intera notte al freddo e al gelo inglese, con temperature proibitive, schiacciato dai rifiuti nel disperato tentativo di raggiungere la parte alta del secchio.

L’ha trovato così il mattino successivo un dipendente della nettezza urbana, mentre era arrampicato sopra i sacchetti. Infreddolito, spaventato, disperatamente attaccato al contenitore alla ricerca di aiuto. La scena ha visto testimone buona parte del vicinato, che si è detto sconvolto e allibito da tanta crudeltà. La rabbia è il sentimento che prevale in questo momento nei confronti del proprietario del cane, a cui è stato sottratto definitivamente il piccolo animale.

Ora l’anziano Yorkshire si gode le cure e l’affetto che il personale del Leigh Cats and Dogs Home gli sta garantendo, mentre sono partire le indagini di rito. Se il dipendente della nettezza urbana non l’avesse intravisto, probabilmente il piccolo avrebbe fatto una brutta fine. Molti responsabili della giunta locale si professano sconvolti per il gesto brutale, l’assessore al lavoro Jeanette Prescott ha infatti dichiarato:

Non capisco la mentalità di chi commette questi terribili gesti. Sono inorridita. Mi auguro il piccolo si riprenda completamente e possa trovare una nuova famiglia, con tanto amore. Spero che all’ex proprietario venga vietato legalmente il possesso di altri animali.

Interpellato sull’accaduto, l’uomo si è difeso sostenendo che il cane ormai fosse morto e quindi di aver agito in buona fede. Ma non è dello stesso avviso lo staff del rifugio che sta ospitando il cagnolino, come Terry Dunn del Wigan Council, che ha avvisato l’ex proprietario di essere responsabile di maltrattamento di animali. Le indagini hanno coinvolto anche la RSPCA, che si occupa del benessere degli animali. Il gesto inappropriato avrà sicuramente delle conseguenze: il cane – in condizioni precarie – ha subito una crudeltà gratuita e spaventosa.

20 gennaio 2014
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Roby, martedì 21 gennaio 2014 alle9:25 ha scritto: rispondi »

Fino a quando le leggi restano sulla carta!!!!

Lascia un commento