È rimasto per ben cinque settimane bloccato in autostrada, fermo in un piccolo spazio adibito a separazione delle corsie. È questa la storia di un Pastore Tedesco, avvenuta nella cittadina statunitense di Galt, in California. Forse caduto da un pickup, il cane è stato salvato dalla polizia locale.

La vicenda è cominciata lo scorso 10 aprile, quando si sono registrati i primi avvistamenti di “Freeway Frida”, questo il nomignolo con cui il cane è stato ribattezzato. Secondo quanto riportato dalle testate statunitensi, l’animale sarebbe caduto da un pickup sulla Highway 99, per poi trovare rifugio su un piccolo appezzamento di terreno per la divisione delle corsie. Così ha spiegato l’ufficiale Siliva Coelho, del Galt Police Department:

Per le ultime cinque settimane, abbiamo ricevuto ogni giorno delle chiamate dagli automobilisti, per segnalare la presenza di un cane ferito sullo spartitraffico. Ma ogni volta che si siamo recati in luogo, non siamo riusciti a vedere il cane.

Le ripetizioni sono proseguite fino allo scorso sabato quando, per caso fortuito, gli agenti sono riusciti a identificare l’esemplare, una femmina. Molto dimagrito e in condizioni di malnutrizione, il quadrupede è stato immediatamente soccorso e trasportato in un centro veterinario, dove pare si rimetterà in fretta. Dall’animo docile e dolce, si sospetta la cagnolina possa essere stata ben accudita, per questo la polizia ha voluto diffonderne la storia alla ricerca dei legittimi proprietari.

Qualora nessuno si presentasse alla stazione di polizia, tuttavia, l’agente Coelho ha avanzato l’ipotesi di adottare la simpatica e resistente cagnolina. Nel frattempo, prosegue il percorso di convalescenza, per rimettere peso rapidamente e curare le ferite, forse dovute al balzo e all’impatto con il terreno, così come anche da possibili scontri con le tante autovetture che, ogni giorno, transitano su una strada talmente trafficata. Nel mentre, la storia del stoico Pastore Tedesco è divenuta virale sui social network.

20 maggio 2016
Fonte:
ABC
Immagini:
Lascia un commento