Il legame che ha unito saldamente Mehmet Ilhan e il suo cane Cesur sembra non volere cedere il passo alla morte. Dopo anni di malattia l’uomo, ormai paralizzato, è deceduto in ospedale a pochi passi dalla sua casa a Bursa, in Turchia, lasciando solo il suo piccolo quadrupede. Negli ultimi anni della sua esistenza l’anziano ha potuto contare sul supporto della famiglia, ma in particolare sulla fedeltà e sulla vicinanza di Cesur. La connessione tra i due era così intensa e forte che, a pochi giorni dalla morte in ospedale del proprietario, il cane a casa aveva smesso di nutrirsi. Inconsciamente consapevole dell’arrivo della fine e dell’addio.

Ma ricomposta la salma nell’abitazione, Cesur non ha voluto allontanarsi di un solo passo, vegliando l’amico in silenzio. Non pago di ciò, ha partecipato al funerale precedendo la bara, con l’intento di rimanere accanto al proprietario. Per poi sedersi a capo chino vicino a essa, in silenziosa e dolorosa veglia. Nessuno ha voluto interrompere il momento e per tutto il funerale Cesur è rimasto fermo nello stesso punto, fino alla sepoltura. Ma questa separazione non sembra volersi concretizzare da parte del cane che, ogni giorno, cammina da casa fino al cimitero. Si siede accanto alla tomba del suo amico e semplicemente gli fa compagnia.

=> Scopri il cane che veglia le tombe


Questa incredibile scoperta è stata fatta dal figlio dell’uomo, Ali, che ora ospita il quadrupede. Seguendolo durante una delle sue camminate, è giunto fino al cimitero e alla tomba di Mehmet Ilhan. Lo staff della struttura ha confermato la presenza quotidiana di Cesur, il suo saluto giornaliero, la tenera vicinanza alla tomba. Non è chiaro per quanto ciò potrà andare avanti, ma Ali gli ha promesso accoglienza e amore. E la possibilità di lenire il suo dolore, accanto alla sua famiglia e presso la sua abitazione. Per il momento, consente al piccolo quadrupede di celebrare il suo dolore con i suoi tempi, scortandolo personalmente verso la tomba del padre.

26 gennaio 2017
Fonte:
I vostri commenti
renato, sabato 28 gennaio 2017 alle9:11 ha scritto: rispondi »

Moltissimi esseri umani dovrebbero prendere esempio dagli animali.

Lascia un commento