Abigail è un giovane esemplare di Pit Bull che, nella sua giovane vita, ha dovuto scontrarsi con la brutalità e la crudeltà dell’uomo. Allevato come cane da combattimento, è diventato ben presto un’esca per le lotte tra Pit Bull. Forse troppo delicato o dall’indole buona, il cane – una femmina di soli tre anni – è passato dall’addestramento a diventare un oggetto, un essere su cui scagliare la tensione e la rabbia. Utile per morsi, ferite e lacerazioni. Un cane bersaglio per allenare gli altri quadrupedi alla violenza estrema e alla furia. L’esemplare è arrivato al Miami-Dade Animal Services in Florida in condizioni drammatiche e con forte dolore. A Victoria Frazier, della Love is Fur Ever Dog Rescue, è bastato osservare la foto della piccola via Facebook per accoglierla presso la sua struttura.

Abigal era anemica, ricoperta da zecche e parassiti, ma ciò che colpiva era l’odore penetrante. Probabile conseguenza dell’infezione che le stava divorando mezzo muso. Una parte dello stesso, infatti, era del tutto scomparso con tanto di orecchio mancante. Uno strato sottilissimo di pelle ricopriva la parte lacerata da morsi e attacchi ripetutiti. L’animale è stato perciò condotto presso il Pets First Wellness Center dove sta seguendo una cura specifica: il centro, da circa dieci giorni, combatte contro un’infezione che sta lentamente migliorando. Gli aggiornamenti tramite Facebook permettono agli utenti di seguire il percorso della cagnolina.

=> Scopri tutto sul Pit Bull


Le cure sono state possibili grazie a una raccolta fondi, per far fronte alle alte spese quotidiane. Oltre alle medicazioni e ai medicinali, Abigal affronta il cambio del bendaggio, ovvero una necessità per impedire che si gratti l’orecchio. E per bloccare ogni tentativo, il centro ha deciso di fermare la fasciatura con piccoli cappellini, ma anche con fermagli particolari. Questo consente al bendaggio di rimanere fisso e al contempo ha reso Abigal famosa e molto seguita. Dopo il prossimo intervento verrà accolta da Victoria che si occuperà di lei fino a quando avrà recuperato tutte le forze e le energie. La piccola conserva un animo gentile, nonostante tutto, per questo si spera per lei in un’adozione felice e veloce.

23 novembre 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento