Cane ucciso e appeso a un cancello

Un cane è stato rivenuto senza vita e appeso al cancello di un cantiere edile, forse per intimidazione così come riferisce il quotidiano Corriere della Sera. È quanto è avvenuto a Squillace, in provincia di Catanzaro, negli scorsi giorni, per un fatto che ha generato preoccupazione tra gli amanti degli animali in tutta Italia, nonché la risposta immediata della Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

L’esemplare, una femmina, è stato trovato ormai senza vita, appeso al cancello di un cantiere: il corpo, così come riportato dalla stampa, risultava accompagnato da alcune cartucce inesplose. Sul luogo sono intervenuti i Carabinieri forestali, la polizia locale e alcuni animalisti, tra cui proprio la vicepresidente nazionale della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, Serena Voci. L’associazione ha poi diffuso la notizia sui social network, con un pronto aggiornamento sulla piattaforma Twitter. Le autorità stanno ora indagando sul caso, per verificare l’ipotesi di un tentativo di intimidazione nei confronti dei proprietari dell’animale.

=> Scopri perché il collare antiabbaio è maltrattamento


Nel mentre è stata sporta denuncia contro ignoti, poiché gli autori dei fatti non sono stati ancora identificati. Nel frattempo, la stessa Voci ha affidato alla stampa a un commento, esprimendo dolore e indignazione per l’atto violento:

Sono profondamente addolorata e indignata per questo ennesimo episodio di crudeltà. Un essere vivente e innocente è stato barbaramente ucciso per quello che sembra essere un regolamento di conti tra persone che di umano non hanno niente. È ora di dire basta a questa cultura violenta che considera gli animali delle cose di cui disporre e di cui servirsi per i propri scopi, anche quelli più beceri

=> Scopri il cane che aiuta le vittime di maltrattamento


Di seguito le immagini condivise sulla piattaforma Twitter dall’associazione, la cui visione potrebbe risultare sconsigliata a un pubblico sensibile.

28 maggio 2018
Lascia un commento