Il povero cane Big Boo era finito tristemente in canile: nonostante il suo sguardo amorevole e un’indole docile, non riusciva a trovare casa. La sua razza, quella dei molossi, in USA è tristemente osteggiata e considerata pericolosa. Spesso utilizzati impropriamente come cani da combattimento, finiscono gettati in canile o uccisi, per questo la loro immagine risulta corrotta da una nomea errata. Difficilmente trovano una nuova casa finendo, nella migliore delle ipotesi, per trascorrere una vita intera in canile. Eppure Big Boo, nonostante il suo sguardo triste, non riusciva a catturare l’attenzione di nessun nuovo adottante.

Di lui si è accorta la veterinaria Kerri McCreary, in forze al Vet Ranch, un canale mediatico operativo su YouTube, utile per sensibilizzare l’opinione pubblica nei riguardi dei randagi. Si occupa di recuperare gli animali e prestare loro le cure più immediate, per garantire una seconda chance. E così, passando per il canile GreenVille Animal Shelter, in Texas, la donna è stata colpita dall’espressione dei presenti.

=> Scopri l’American Pit Bull Terrier


Il rifugio, colpito da un’epidemia di infezioni, ha vissuto una piccola emergenza e molti dei suoi ospiti sono debilitati e fortemente intristiti dalla condizione. In particolare i molossi. che vengono quasi del tutto ignorati durante il giro dei visitatori.

=> Scopri il Pit Bull d’aiuto per la sindrome di Asperger


Big Boo, nel suo piccolo box, è apparso stressato, confuso e visibilmente solo. Per agevolare la sua permanenza, la donna gli ha regalato una brandina e una coperta, dentro la quale si è subito arrotolato godendosi il gesto inaspettato. Un piccolo dono e una luce si è accesa nell’animo del cane. E l’immagine del quadrupede accoccolato con tenerezza sulla coperta ha colpito i contati Facebook della veterinaria, mentre la condivisione ha fatto il resto. In pochissimo tempo quello sguardo dolce e triste ha scoccato una freccia nel cuore del proprietario perfetto, che ha deciso di adottare subito l’animale. Una dimostrazione concreta di come i piccoli gesti possano fare nettamente la differenza.

10 aprile 2017
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento