Cane tripode: ecco perché adottarne uno

Un cane tripode è un esemplare a cui manca una zampa, sia per questioni mediche o di malattia, che per una malformazione fisica. Un animale sicuramente costretto a cambiare le sue abitudini, anche se non completamente, e la dinamica del movimento. Ma a dispetto della sua condizione, il quadrupede tripode è un esemplare sano, gioioso, che vive con naturalezza la mancanza di un arto. Una nuova normalità che non intacca la sua esistenza, ma che può migliorare la quotidianità di chi lo ama, in particolare quella dei più piccoli.

Gioco

Il gioco è una realtà che non può mancare nella vita di un cane tripode, perché lo sprona al movimento abbandonando la sedentarietà. Un animale tripode non deve e non può stazionare perennemente nella cuccia, perché potrebbe ingrassare velocemente, perdendo interesse per sgambate e interazione. L’attività ludica è fondamentale come le corse, il lancio di palline e bastoni, senza forzature, ma seguendo il proprio ritmo e la propria andatura. Una ginnastica quotidiana che aiuterà il cane a tenersi in forma e sempre attivo, magari in compagnia dei piccoli o degli anziani di casa.

=> Scopri la cura e le terapie per l’animale tripode


Compassione

Cane e baci

Un animale tripode può migliorare il livello di compassione personale ma anche di comprensione nei confronti di una condizione di disabilità. Non solo nei confronti del cane ma anche nei riguardi di una persona diversamente abile, così da captare la nuova dinamica conoscendola e rispettandola. Un gesto educativo anche per i più piccoli che potranno crescere con una maggiore apertura nei confronti della società, senza pregiudizio ma con molto rispetto.

Interazione

L’interazione è tutto, come anticipato: un cane senza una zampa non è un animale malato, fragile a cui precludere giochi, attività e socializzazione. Deve poter accedere alle aree sgambo come tutti i suoi simili, così da correre, annusare, giocare, marcare il territorio e vivere serenamente la sua vita.

=> Scopri la storia del Carlino tripode


Sfida

Cane

Potrebbe sembrare una situazione complicata, in particolare se Fido da quadrupede diventa tripode in tarda età, quando il percorso dovrebbe risultare più semplice e sereno. In questo caso l’amico andrà spronato e sostenuto ulteriormente, facendogli vivere la nuova sfida e condizione fisica in modo normale senza ansia alcuna. I primi momenti di incertezza verranno superati, grazie all’affetto e il sostegno del proprietario.

Compagno di giochi

La presenza di un secondo cane all’interno dell’abitazione potrebbe rendere più facile il periodo di recupero fisico, non solo ginnastica e attività motoria ma anche comunicazione e gioco tra simili. Per il cane tripode seguire l’amico nelle attività di sempre, imitandone le gesta sarà utile e importante, sia dal punto di vista emotivo che fisico.

3 luglio 2018
Lascia un commento