Ziggy, un bellissimo esemplare di cane razza Staffordshire Bull Terrier, si è salvato dopo essere stato trafitto dal dardo di una balestra. Nonostante sia stato scaricato in un bosco isolato nei pressi di Peterborough in Inghlterra, forse nella speranza che morisse, l’animale è stato salvato e ha superato il terribile gesto e atto crudele. Preso in cura dalla RSPCA e dal veterinario Cees Bennett, è salito sul tavolo del centro con la freccia conficcata nella testa, ma ancora allegramente scodinzolante. Una situazione quasi miracolosa, perché il dardo ha trafitto la carne ma non ha intaccato nervi, vasi sanguigni e organi vitali. Sfiorando senza danni sia l’occhio che l’orecchio.

Nonostante la vicenda drammatica il piccolo si è ripreso dall’operazione e, solo dopo due settimane, ha ripreso forze ed energie. Il fatto è stato inserito all’interno di una votazione online dedicata alle storie di sopravvivenza più toccanti nel Regno Unito, e per questo Ziggy si è aggiudicato il primo premio ovvero il PDSA Pet Survivor 2015. A nominare la sua storia è stato proprio il veterinario, sorpreso dall’incredibile recupero ma principalmente dalla miracolosa sopravvivenza. La sua vicenda ha fatto il giro della rete e le richieste di adozione si sono moltiplicate, ma ad accogliere il cane per sempre sono stati Dominic O’Hare e Anna Burtonwood di Watford. La coppia è rimasta colpita positivamente dal cane che sembra non aver perso la fiducia nel genere umano, neppure la voglia di amare ancora.

Le possibilità di salvezza e recupero come quelle di Ziggy riempiono la cronaca quotidiana, sottolineando quanto sia terribile la crudeltà umana. Casi straordinari, spesso dolorosi e tragici che gli animali riescono a superare grazie alla competenza e professionalità dei veterinari e delle associazioni animaliste. Ma anche alla devozione e pazienza degli affetti di famiglia, che si stringono accanto all’animale per consentirgli di rimuovere la sofferenza patita.

23 dicembre 2015
Fonte:
Lascia un commento