Nonostante l’immagine dolce e l’aspetto simpatico, per la tenera Dotty i rifiuti si sono moltiplicati nel tempo. Non sono servite le condivisioni via social network, neppure gli appelli attraverso la pagina del rifugio Hilbrae Pets Hotel and Stray Kennels dove viveva. A dispetto delle innumerevoli visualizzazioni online, i passaggi dei visitatori dal vivo e i commenti positivi, la piccola cagnolina è rimasta per ben sei anni tra le mura del suo box. La struttura, gestita da Marty Burrell, per lungo tempo ha cercato di sensibilizzare l’opinione pubblica incentivando l’adozione di Dotty. Ma nessuno si era mai fatto avanti riscattando questa piccola dall’animo allegro e socievole.

Dotty, un mix di razza Dalmata, ha trascorso la prima parte della sua vita accudita dallo staff del centro di soccorso per animali. Natale dopo Natale nella speranza di una nuova abitazione, di una nuova famiglia, ma senza nessun esito positivo. La sua storia, divenuta particolarmente nota, ha solleticato la curiosità della stampa che ne ha divulgato ulteriormente la vicenda. Grazie a questo ulteriore passaparola, la foto del cane ha catturato le attenzioni di Ed e Janice Darrall, di 62 e 59 anni, che se ne sono innamorati immediatamente fino a decidere si adottarla e accoglierla nella loro casa a Telford nello Shropshire, in Inghilterra.

Dopo una conoscenza in rifugio, Dotty ha seguito i suoi amici nella nuova dimora, stabilendo con loro un ottimo feeling sin dal primo istante. Accantonato il lungo periodo in canile, la piccola cagnolina ora può godere dell’affetto di una nuova famiglia, ma anche del tepore di una casa tutta sua proprio in concomitanza del Natale. Un regalo tanto atteso ma anche inaspettato topo tanta solitudine. Nonostante il personale del rifugio nutra un po’ di malinconia nel salutare Dotty, è certo possa ritrovare con i Darrell un futuro migliore e vivere grandi emozioni. Benché abbia trascorso tanti anni in canile la cagnolina ha dimostrato fiducia e interesse nei confronti della coppia, comprendendo il cambio positivo e la nuova possibilità di vita.

23 dicembre 2015
Fonte:
Lascia un commento