Lo straordinario fiuto del cane e la sua totale dedizione all’uomo può spesso salvare la vita: è proprio per questo che Fido è l’animale utilizzato di preferenza nella pet-therapy e nell’assistenza ai disabili, perché si tratta di un amico a quattro zampe particolarmente dedito, prezioso e intelligente. Non stupisce, allora, la notizia di un cane in grado di riconoscere il diabete in un bambino prima ancora che la stessa medicina potesse farlo.

>>Scopri tutti gli animali della pet-therapy

Accade negli Stati Uniti, dove l’associazione Drey’s Alert Dogs – un gruppo che lavora in Florida, California e Ohio – stava conducendo alcuni test di socializzazione tra cani e bambini. Il gruppo si occupa del training di cani-allerta per i diabetici: i cuccioli sono istruiti per riconoscere concentrazioni inferiori a 80 e superiori a 180 dello zucchero nel sangue, grazie al loro formidabile olfatto. Quando rilevano delle concentrazioni non corrette, avvisano il proprietario con una dolce zampata, anticipando così la necessità della cura a base d’insulina.

Dato il periodo estivo, sono molte le famiglie che si offrono come volontarie nell’addestramento dei cani, prestando aiuto all’organizzazione no profit. Ed è così che una mamma ha scoperto come il figlio di 7 anni fosse affetto da diabete, prima ancora che gli stessi medici potessero ipotizzarlo: la patologia, infatti, è stata confermata dalle analisi del sangue solo dopo l’allerta di uno dei cani presenti al pomeriggio dedicato all’addestramento. Avvicinandosi al bambino, il cane ha iniziato freneticamente ad alzare la zampetta: dalle analisi è emerso come il livello di zuccheri nel sangue fosse due volte più alto del normale. Una situazione che avrebbe potuto portare a conseguenze molto gravi, tra cui anche il coma, di cui però la famiglia era totalmente ignara perché il figlio non aveva mai manifestato sintomi evidenti.

Se non fossimo stati qui, probabilmente non avrei mai saputo del diabete di mio figlio.

Queste le parole della madre, incredibilmente sollevata di aver potuto agire per tempo nel contenere la malattia del bambino. E al loro fianco vi sarà proprio uno di questi salvifici cani.

2 luglio 2013
Fonte:
Lascia un commento