Il piccolo Peanut ha rischiato di morire congelato a causa delle terribili condizioni meteo che hanno colpito recentemente gli USA, ma anche per colpa della trascuratezza e dell’incuria a cui lo avevano condannato i proprietari. Solo grazie a una segnalazione anonima il piccolo cane, e un suo amico a quattro zampe, ha potuto trovare conforto e salvezza.

Il cagnolino, un esemplare di razza mix Shetland Sheepdog da pastore, e il suo compagno sono stati recuperati da Stuart Wilson, sceriffo della contea di Dubois in Indiana. Tutti e due relegati all’esterno e legati alle cucce, ma con stomaco, coda e zampe completamente congelati. Le parti del loro corpo erano immerse nelle feci ormai solidificate dalle temperature glaciali.

Un’incredibile condizione di disagio per i due piccoli cagnolini, come ha confermato lo stesso sceriffo scioccato dal ritrovamento. Dopo aver versato dell’acqua calda sulle parti ghiacciate è stato possibili liberare i esemplari dal terreno, quindi soccorrerli presso l’Humane Society di Dubois County. I due animali sono stati sottoposti a un trattamento antipulci, quindi sono state praticate le prime cure e un bagno caldo rigenerante.

Entrambi presentano condizioni fisiche precarie, sono estremamente sottopeso e trascurati. Le costole si sentono al tatto, segnale di abbandono e sofferenza. Non vi è un’accusa penale contro i proprietari, tuttavia sono state avviate delle indagini per una futura revisione. Per i due piccoli quattrozampe sono state aperte le richieste di adozione: moltissime le persone che si sono fatte avanti per accogliere Peanut dopo questa brutta esperienza al gelo.

9 gennaio 2014
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento