Alcuni cani colpiscono al cuore e, grazie al passaparola attraverso la rete, riescono a trovare salvezza e magari velocemente una casa nuova. È ciò che è accaduto a Rihanna, un esemplare di razza Pit Bull, recuperata nel 2013 come randagia e accolta presso il rifugio Manhattan Animal Care Center (ACC). Completamente terrorizzata, deperita, ricoperta da infezioni e tagli, la piccola sembrava un animale anziano e nell’ultima fase della sua vita. Ma dopo un esame più accurato è emerso fosse in realtà molto giovane, solo due anni, ma devastata da una vita di violenze.

Rihanna era stata utilizzata come cane esca per i combattimenti clandestini, tutti i suoi denti erano stati recisi e il muso era estremamente gonfio. Sottopeso, piena di lacerazioni e spaventata, ma ancora in piedi. Vista la sua situazione per lei era stata considerata l’ipotesi dell’eutanasia, ma le 5.800 condivisioni della sua storia hanno bloccato il meccanismo. La Second Chance Rescue NYC ne ha chiesto l’affidamento inserendola nel circuito delle adozioni, ma fino a ora il miracolo non è ancora avvenuto. In questi tre anni non ha ancora colpito nessuno al cuore, eppure la piccola cagnolina possiede un animo sensibile e amorevole. Nonostante il suo passato di violenza è un cane tranquillo e allegro, che saluta tutti con gioia.

Per circa un anno ha vissuto in stallo da Teresa Zavada, che affianca l’associazione nel recupero casalingo dei cani, dove ha imparato a superare le paure nei confronti degli altri quadrupedi. La Second Chance Rescue NYC spera in una prossima adozione, in una casa dove possa svolgere il ruolo di unico cane di affezione, senza la presenza di gatti e con bambini sopra i 9 anni. Attualmente sta frequentando un corso rieducativo che proseguirà anche quando verrà adottata. Rihanna è un animale giovane, solo 5 anni, per lei è giunto il momento di trovare una dimora dove vivere per sempre. Un luogo dove abbandonare gli spettri del passato e le crudeltà subite.

10 marzo 2016
Fonte:
Lascia un commento